AL GIFFONI NEXT GENERATION 2022 LA DIVINA COMMEDIA IN REALTÀ VIRTUALE 3D

Giovanni Verreschi, ETT:

“La Divina Commedia VR non solo un nuovo prodotto cinematografico ma una proposta culturale avanzata che sfida le giovani generazioni”

Giffoni Valle Piana (Salerno), 21 luglio 2022 – ETT, industria digitale creativa del Gruppo SCAI, tra i protagonisti dI Giffoni Next Generation, evento dell’innovazione targato da Giffoni Innovation Hub, nell’ambito del Giffoni Film Festival, che si svolgerà a Giffoni Valle Piana, provincia di Salerno, dal 21 al 30 luglio.

ETT sarà presente, per tutte le giornate del festival, al Giffoni Village all’interno della Multimedia Valley con uno spazio dedicato nello stand di Giffoni Innovation Hub riservato al VR. In programma la proiezione del cortometraggio in realtà virtuale “La Divina Commedia VR: l’Inferno, un viaggio immersivo”. A presentare l’opera, ieri pomeriggio, in un panel dedicato Adele Magnelli, International Project Manager, ETT S.p.A. Gruppo SCAI.

La Divina Commedia VR: l’Inferno, un viaggio immersivo” – Il cortometraggio, della durata di circa sette minuti, accompagnato dalla voce dell’attore Francesco Pannofino, permette allo spettatore di vestire i panni del Sommo Poeta e di varcare le soglie dell’Inferno per intraprendere il suo viaggio. Integrazione di computergrafica e riprese cinematografiche in Realtà Virtuale, grazie alle quali è possibile vivere un’esperienza coinvolgente ed immersiva. In particolare, ETT si è occupata interamente della produzione in CGI Animation, con un lungo lavoro di ideazione, progettazione e realizzazione di modelli animati in 3D, partendo da uno storyboard profondamente legato ai versi e alle allegorie della Divina Commedia.

L’opera ripercorre alcuni momenti significativi dell’Inferno evocato da Dante. Strutturato come una virtuosa integrazione di riprese live, post-produzione video, computer-grafica e modellazione/animazione 3D, il primo capitolo della trilogia offre allo spettatore modalità innovative e altamente immersive di fruizione del mondo immaginato all’interno di uno dei capolavori della letteratura e della poesia mondiale, simbolo dell’identità linguistico-culturale del nostro Paese.

La grande letteratura e tecnologie avanzate si incontrano, dunque, grazie al concetto di immersione. Accompagnando il fruitore in un’esperienza assimilabile sia alla tradizionale lettura di un buon libro, sia in un transfert dal mondo reale all’immaginario.

Giovanni Verreschi, ad di ETT S.p.A. Gruppo SCAI, commenta: ”Siamo lieti di partecipare a Giffoni Next Generation. Il progetto La Divina Commedia VR è un’opera cinematografica ma rappresenta soprattutto un utile strumento educativo. Un prodotto realizzato con l’intento di rendere accessibile alle giovani generazioni uno dei massimi capolavori della letteratura universale grazie all’uso delle nuove tecnologie e individuando inedite formule narrative. Crediamo, quindi, lo stand dedicato alla VR da Giffoni Innovation Hub sia il contesto più adeguato per presentare La Divina Commedia VR – conclude Verreschi – un evento che è molto più di un festival cinematografico per la forza dei valori che esprime e per la capacità di ascolto e il suo forte legame con il pubblico dei giovanissimi”.

Il prodotto audiovisivo è stato realizzato con la regia e la sceneggiatura di Federico Basso, Alessandro Parrello ha curato la regia e la sceneggiatura delle riprese live. Inoltre, con colonne sonore originali firmate da Marco Morini, è stata posta particolare attenzione al sound design per arricchire l’esperienza dello spettatore a 360° gradi.

“La Divina Commedia VR: l’Inferno, un viaggio immersivo” è destinata al mercato delle piattaforme VR, dei festival e dell’audiovisivo in generale, alle istituzioni museali e scolastiche, ai canali cinematografici e televisivi.

Link al trailer

In foto: Adele Magnelli International Project Manager ETT SPA e Alessandro Cavallaro di ETT spa con gli organizzatori di Giffoni Next Generation

e un fotogramma del corto “Divina Commedia VR: L’Infermo viaggio immersivo”

<h2>Leave a Comment</h2>