ROVESCI GLI SPAZI, poesia Gian Piero Stefanoni

ROVESCI GLI SPAZI

 

Rovesci gli spazi

a chi è dato nel canto

e uccelli si parlano

nel becco di una oscura memoria.

 

Mantieniti nel silenzio

e resta nella speranza dei corpi.

Secco, e sbiadito è ancora

l’abito di chi cammina.

 

La prova è ora

nella ripetizione improvvisa

che va colpendo.

 

La parola pronuncia

ma la parola non ferma

l’eterno arrestarsi del mondo

sulla terra.

<h2>Leave a Comment</h2>