L’UOMO PIU’ CRUDELE DEL MONDO. Chi è la bestia?

Roma, Teatro Ambra Jovinelli, dal 30 novembre all’11 dicembre 2022

Moralità, giustizia, umanità, crudeltà, senso del limite, bene e male, normalità, istinto ferino e ragione. Sono le tematiche affrontate dal potente testo di Davide Sacco ne L’uomo più crudele del mondo, in scena al Teatro Ambra Jovinelli dal 30 novembre all’11 dicembre con due bravissimi attori, in questo caso davvero straordinari, quali Lino Guanciale e Francesco Montanari. Il primo è Paolo Veres, imprenditore della più grande industria d’armi europea, un uomo considerato cinico, glaciale, senza scrupoli, crudele appunto. Montanari interpreta il giornalista di un piccolo giornale locale scelto dall’industriale per lasciarsi intervistare all’interno del suo ufficio, grigio ed essenziale, come lui. Ben presto quello che sembra un normale colloquio si trasforma in qualcosa di inquietante, destabilizzante per l’apparentemente umile cronista. Un dialogo serratissimo, drammatico, che pian piano scopre la natura di entrambi proponendo scelte violente e inimmaginabili. Scelte che sono bivi esistenziali, da cui nulla potrà essere più come prima di essersi conosciuti, scelte che mettono a nudo la vera essenza dei due uomini. Homo homini lupus? Molto probabile in questo caso.

L’uomo più crudele del mondo è uno spettacolo di rara potenza che stupisce, destabilizza ogni certezza minuto dopo minuto, spiazza il pubblico mettendolo quasi in imbarazzo di fronte alle possibilità che suggeriscono i due personaggi, distrugge la comfort-zone di parteggiare per un buono o un cattivo lasciandoci in balìa degli eventi, disarmati e attoniti. Solo il finale, rivelatore, deflagrante, straordinariamente poderoso nelle ultime 7 parole, restituisce un piano solido su cui riappoggiare i piedi.  Guanciale e Montanari sono interpreti perfetti e amati dal pubblico, mantengono alti ritmo e tensione con grande sapienza teatrale. Una vera chicca questa pièce, che in un’ora e un quarto circa riesce a catturare gli spettatori sin dalle prime battute. Intelligente, ricca di pathos, stimolante, interpretata magistralmente. Bel momento di teatro, assolutamente consigliato.

Paolo Leone

Roma, Teatro Ambra Jovinelli, dal 30 novembre all’11 dicembre 2022.
Lino Guanciale e Francesco Montanari ne L’uomo più crudele del mondo. Testo e regia di Davide Sacco. Scene di Luigi Sacco. Luci di  Andrea Pistoia. Organizzazione Ilaria Ceci.
Si ringrazia l’ufficio stampa del Teatro Ambra Jovinelli nella persona di Benedetta Cappon.

<h2>Leave a Comment</h2>