“Lady Grey (con le luci sempre più fioche)”. Alice Giroldini è una misteriosa signora in grigio

In scena dal 25 novembre al 4 dicembre 2022 Teatro Nazionale di Genova – Sala Mercato

Lady Grey” è un monologo nato dalla creatività del raffinato autore statunitense Will Eno. La drammaturgia è tradotta da Elena Battista e portata in scena da una magica Alice Giroldini con regia di Marco Maccieri. Lo scritto di grande impatto emotivo è vincitore del Premio Roma Fringe Festival 2022 come Miglior Spettacolo, Miglior Attrice e Premio della Stampa. Il testo è un sottile gioco emozionale che provocatoriamente scava dentro l’animo umano nella faticosa costruzione di sé stesso. Ogni essere consenziente è sempre alla ricerca di un perché. Ogni qualvolta che la nostra vita ci porta in una direzione è un contino percorrere un sentiero tortuoso fatto di insicurezze. Un susseguirsi di domande tutte senza risposte chiare. I toni incalzanti del dialogo scritto dal drammaturgo americano mettono a fuoco tutte queste problematiche.

“Lo so che fate tutti una vita concitata, ma rilassatevi un attimo e ammirate la semplicità del mio vestito.”

Una donna sola sul palco sembra sia in attesa del pubblico per una conferenza. Ma l’attesa si muta ben presto in una reminiscenza. La giovane senza nome ricorda un fatto risalente alla sua infanzia. Con le luci soffuse racconta il fatto come fosse vissuto al presente. Il compito in classe “Mostra e Dimostra”, consiste nel portare un oggetto rappresentativo, una foto, un animale domestico per poi parlarne a scuola. La bambina segue le indicazioni dell’educatrice, ma è afflitta dal dubbio. Lei si sente vuota perché non sa cosa portare. La ragazzina non ha un giocattolo significativo che la rappresenta, non ha ricordi, non ha nessuna identità ad alla maestra non porta niente. La fanciulla porta in classe solo sé stessa ed il suo corpo per rappresentarla. Attraverso questo racconto che si lega ad altri Alice Giroldini si confronta con il pubblico attento perché come la bambina misteriosa ogni essere umano nasconde uno o più segreti.

 “Ti chiedi quale sia la storia che riguarda te stesso, come raccontarla, e perché.”

Lady Grey non ha nome proprio. Lei a volte si presenta come Sabrina, Jennifer o chi altra. La donna del mistero vive in un mondo fatto di più realtà perché nello stesso tempo appartiene a più vite. Il monologo è un insieme di fatti accaduti che diventano fantasiosi e surreali. Un mistero come quello della vita che ogni momento riunisce le forze per lottare contro la tragicità degli eventi. Lo spettacolo è esaltato da una grande prestazione di Alice Giroldini, “Miglior Attrice” del “Premio Roma Fringe Festival 2022”.

Giuliano Angeletti

 

 

“Lady Grey”
Produzione
Teatro Nazionale di Genova, Centro Teatrale MaMiMò
Traduzione
Elena Battista
commissionata da BAM Teatro
Regia
Marco Maccieri
Interprete
Alice Giroldini

<h2>Leave a Comment</h2>