Alessandro Maiorano in politica?

Data:

 

La Firenze degli incazzati chiede ad Alessandro Maiorano di scendere in politica e l’avvocato Carlo Taormina trova già il nome al nuovo simbolo politico: Firenze libera. Che Alessandro Maiorano sia odiato da chi detiene il potere a Firenze è palese, ma è anche vero che tanti, tanti cittadini lo amano e lo sostengono vedendo in lui un nuovo brave heart (cuore impavido) che potrebbe guidarli alla conquista dello scranno più alto a Palazzo Vecchio. E proprio ieri 13 maggio 2023 è arrivata la richiesta ufficiale a nome di comitati, commercianti cittadini e fiorentini arrabbiati dove migliaia e migliaia di persone sarebbero favorevoli alla realizzazione di una lista civica guidata dal nemico storico di Matteo Renzi al fine di potere avere voce dentro Palazzo Vecchio alle prossime votazioni comunali nel maggio 2024.


Il bandito da Firenze è stato chiaro, dettando regole e richieste alle quali, se accettate, dovrà susseguirsi una riunione con migliaia di fiorentini per confermare la candidatura. Per molti politici fiorentini inizierebbero problemi seri perché uno come il bandito da Firenze con la sua determinazione, grinta e carisma sposterebbe valanghe di voti e preferenze verso Firenze Libera.


La conferenza stampa di ieri 13 maggio 2023 alla storica libreria Salvemini di Firenze potrebbe avere gettato le basi non solo per la realizzazione del film dal titolo Il bandito da Firenze ma soprattutto la rinascita politica di una Firenze oramai nelle mani non dei fiorentini ma di una classe politica che da molto tempo ha dimenticato i cittadini.

Tommaso Lastrucci

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Elisa, un concentrato di energia fra danza e fotografia

  Un concentrato di adrenalina, femminilità ed energia. Elisa ha...

Firenze e lo scandalo evitato

Erano le 7 del mattino di molti anni fa...