Nisida, poesia di Giuseppe Costabile

Data:

 

Nisida

 

Cosa ci resta di questa vita

“homo sine pecunia, imago mortis”

E ne più dove, ormai nel sonno

Come Mazzarò al fatal sospiro?

 

Età dell’oro, o mia rimpianta

Dove il seme era speranza

Di padre in figlio la discendenza

La terra, la mia casa tra le stelle.

 

Eppur parve semplice cambiare

Scappare, dimenticare la tradizione

E i santi, insostenibile leggerezza

E decadenza nelle tue ossa.

 

Volli riposare, ancora un po’

Dormire giustamente, giurai

Domani chissà, lieto pellegrino

Tra le mani di un Dio, e tu mortale.

 

Ma la vita è sogno, fa e disfa

Come la tela di un ragno ballerino

Ed io sono quell’impavido bambino

Nella culla della speranza, mia Nisida.

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

VALERIA LUPI, UN URAGANO DI SENSUALITA’ SEMPRE IN MOVIMENTO

Impossibile fermarla, questo è poco ma è sicuro. Un...

UN SOGNO DIMENTICATO E RITROVATO

Si è svolta al MAUTO di Torino una singolare...

Marco Brini, match analyst da play off

Marco Brini è un match analyst che lavora nel...