Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

“L’imparata”. Bel teatro sul palcoscenico del Marconi

Data:

Roma, Teatro Marconi (V.le G. Marconi 698/E), dal 12 al 22 ottobre 2023.

L’imparata, in gergo, una lezione di vita, è il titolo dello spettacolo che apre la nuova interessante stagione del Teatro Marconi del direttore Felice Della Corte, in questo frangente regista della messa in scena, dal 12 al 22 ottobre. Lezione di vita che può assumere tanti valori, colori, significati. Qui ha il colore grigio della malavita organizzata e dei suoi canoni spietati, che non ammettono cambi di rotta che possano mettere in pericolo un ordine costituito, qualunque esso sia all’interno di quella montagna di malaffare così felicemente definita da Peppino Impastato “una montagna di merda”. Nella storia rappresentata, il camorrista uscito prematuramente dal carcere è l’anello debole, l’uomo che forse ha fatto quello che non avrebbe dovuto mai fare, parlare. Intorno a lui, pronto a fuggire lontano, la famiglia quella vera, madre, moglie, intrisa fino al midollo di quella mentalità mafiosa che pensa a proteggere se stessa prima che il proprio caro, giungendo al doloroso corto circuito finale. Freddo come la scena montata sul palcoscenico.

Attori straordinari danno vita a L’imparata, testo di Roberto Iannucci, uno spettacolo vivaddio coraggioso con cui aprire la stagione. Antonio Grosso, di cui credo di aver visto qualsiasi cosa in tutti questi anni, si cimenta nel ruolo del camorrista in fuga e come sempre offre un’interpretazione centrata, emozionante, potente in tutte le sue sfumature, nella prima parte insieme al fidato Antonello Pascale, suo compagno di mille avventure, semplicemente sbalorditivo. Poi entrano in scena le donne, Teresa Del Vecchio nel ruolo della madre e Marika De Chiara in quello della moglie. Solide, forti, ricordano quasi le figure femminili dei romanzi di Gabriel Garcia Marquez. Le donne sanno, sempre. E’ bello, teatralmente, vedere con quale apparente dolcezza il personaggio di Teresa Del Vecchio, con la sua straordinaria esperienza, si rivela il cardine della storia, che sa come comportarsi suo malgrado per la tutela di tutta la famiglia. Marika De Chiara è la sorpresa (per me che non la conoscevo), credibile, presenza scenica,  si muove con cura assecondando le scelte registiche di Della Corte, accurate, minuziose, tanti piccoli segnali che portano all’epilogo. In poco più di un’ora, una serata di bel teatro in tutte le sue componenti. Da vedere. Si replica fino al 22 ottobre.

Paolo Leone

Mania Teatro presenta:
L’Imparata, di Roberto Iannucci. Con Teresa Del Vecchio, Antonio Grosso e con Antonello Pascale, Marika De Chiara. Regia Felice Della Corte. Aiuto regia Andrea Goracci. Costumi Lucia Mirabile.

Si ringrazia l’ufficio stampa del Teatro Marconi, nella persona di Elisa Fantinel.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Sabrina, il fascino dell’eleganza

Tutto è iniziato ormai quasi un anno fa. Un...

”Mamma, ieri mi sposo”. Tra amore e morbosità

Al Teatro Manzoni di Roma, fino al 25 marzo...

Dal 3 al 5 settembre l’ottava edizione del Francavilla è Jazz

Stelle del jazz nazionale e internazionale sul palco del...