“La Betulia liberata” al Carlo Felice di Genova

Data:

 

Sabato 4 novembre al teatro Carlo Felice di Genova è andata in scena la rappresentazione dell’oratorio “La Betulia liberata” di Pietro Metastasio ,con musiche di Wolfgang Amadeus Mozart. La ” Betulia” è un oratorio in due parti,composto dal grande musicista austriaco nel 1771, a Padova. Il libretto è del grande poeta di corte Metastasio e tratta delle vicende dell’eroina ebrea Giuditta , vincitrice del despota assiro Oloferne.
La scrittura mozartiana mantiene vivo il dialogo tra solisti e orchestra , con una tensione solenne , accompagnata da arie bellissime e drammatiche allo stesso tempo .
In questa edizione, diretta dal grande Diego Fasolis , massimo esperto e cultore della musica barocca , ma pure accanito ricercatore di opere poco conosciute e rappresentate , i giovani interpreti vocali Angelica Disanto , Cabri , Antonia Fino , Giuditta , Luigi Morassi , Ozia e Omar Cepparoli Achior , hanno proposto un’ interessante e riuscita proposta di questo capolavoro mozartiano . Come sempre , la nostra orchestra sinfonica ha saputo essere all’ altezza del ruolo affudatole , mantenendo un costante dialogo cogli interpreti vocali.
L’ idea di rappresentare oratori nell’ambito della stagione sinfonica è sicuramente da approvare , sperando in un futuro prossimo di assistere all ‘ immortale ” Messiah” di Haendel , assente da decenni dalla nostra programmazione. Un pubblico entusiasta ha ripetutamente acclamato direttore ed interpreti per un meritato trionfo. Prossimo appuntamento , imperdibile al Carlo Felice , venerdì 17 novembre , colla prima del ” werther” di Massenet.

Stefano Ceniti

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“ANNA”: IL CORTOMETRAGGIO DEL REGISTA VINCENZO PALAZZO

"Per favore, non arrabbiarti con me nei giorni in...

“Figli” all’UCI Cinemas di Parco Leonardo

Sabato 25 gennaio alle ore 20:00 presso l’UCI Cinemas...

Continua il diario di Sanremo

  Ciao dalla vostra Debora inviata del Corriere dello spettacolo....