Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

“Io non posso entrare”: se i cani potessero parlare…

Data:

In scena al Teatro 7 di Roma dal 29 marzo al 10 aprile 2016

Tre cani in un canile. O almeno tre attori nelle vesti di cani. Ognuno con una personalità che li contraddistingue: il randagio senza nome della Garbatella (Andrea Perrozzi), Artù (Alessandro Salvatori) il “colto” cane di razza abbandonato dalla sua famiglia e infine Lollo (Bernardino De Bernardis), su cui sono stati fatti degli esperimenti di cosmesi e non solo, i cui segni sono ancora ben visibili sia sul corpo che nei comportamenti.

Tra risate e canzoni con motivetti accattivanti ci immergiamo con piacevolezza in un mondo sui generis dei migliori amici dell’uomo e così, gradualmente, emergono le loro storie, a tratti tristi e melanconiche, a cui però viene dato un taglio divertente grazie a battute sarcastiche e geniali ad hoc sul mondo canino che rendono lo spettacolo davvero unico e adatto ad ogni pubblico, dagli adulti, amanti degli animali ai bambini. Le esperienze dei tre, poi, tratteggiano il loro personale rapporto con l’umano: Artù continua ad aspettare l’arrivo dei suoi padroni nonostante lo abbiano abbandonato da due anni (da qui si denota la sua fedeltà assoluta e il suo affetto sincero e profondo per quella che considera la sua famiglia), il bastardino che viene dalla strada e non vale nulla senza un pedigree, costretto a mangiare nella spazzatura e che dopo aver subito violenze dagli uomini è diventato diffidente e ne ha paura e infine il povero e strampalato Lollo che ha fatto da cavia ed è per questo diventato ancora più stravagante.

La prospettiva della rappresentazione Io non posso entrare è dunque quella a quattro zampe: emozioni forti, quasi umane, affiorano con una tale spontaneità da sembrare di spiare davvero l’universo dei cani, come se potessero parlare anche nella realtà, trovando le parole per esprimersi e per dire ciò che pensano di noi. Uno spettacolo dinamico focalizzato sull’universo canino, sulla sua purezza e ingenuità, sull’amore disinteressato che solo un cane sa dare, che scopre con naturalezza attraverso le loro riflessioni le nostre contraddizioni, le nostre regole spesso ingiuste e insensate, e soprattutto le nostre ipocrisie.

Flavia Severin

 

Di: Manuela D’Angelo

Regia: Paola Tiziana Cruciani

Aiuto regia: Andrea Zanacchi

Attori: Andrea Perrozzi, Alessandro Salvatori, Bernardino De Bernardis

Musiche: Andrea Perrozzi

Disegno luci: Claudio Cianfoni

Capo elettricista: Emanuele De Rossi

Coreografia: Cristina Fraternale

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Pat Garrett e Billy Kid (Pat Garrett and Billy the Kid)

USA 1973 105’ COLORE REGIA: SAM PECKINPAH INTERPRETI: JAMES COBURN, KRIS...

Noemi Ferrera . “Il mio brand nella moda”

L’apparenza alle volte inganna. Nel caso di Noemi Ferrera,...