Drusilla Foer in “Eleganzissima”

Data:

Dal 7 al 17 giugno 2016 al Teatro Franco Parenti di Milano

L’ ironia e l’autoironia sono espressioni di intelligenza e classe. Drusilla Foer le possiede entrambe, tanto è vero che si autodefinisce una “grulla” aggettivo che solo i toscani usano, lei è senese, sapendo però che non esiste una “ganza” altro termine della sua meravigliosa terra, più “ganzissima” di lei.

Sulla scena si muove come un airone dalle piume blu, i capelli argentei legati in uno chignon le incorniciano il volto aristocratico, sensibile e volitivo dove occhi azzurri sprizzano continuamente lampi di vita passata, che è tanta, e di quella che verrà, tanta lo stesso, perché Drusilla ci sembra senza età, anzi ci sorge il dubbio che dopo che il sipario si è chiuso,  si trasformi davvero in un uccello per volare lontano dalla banalità e dal conformismo umano.

Eppure Madame Drusilla ci racconta episodi della sua vita di bimba cresciuta a Cuba, dove il padre era diplomatico, il gioco preferito di nascondersi dietro le tende per spiare senza essere vista, il tango sensuale dei suoi genitori, il negozio di vestiti usati aperto a New York negli anni settanta, un amico di Bruxelles che faceva musica con le cartine della cioccolata e altro ancora.  E tra i ricordi canta, molto bene,  Mina, Brel, Renato Zero, Bowie e così via,  muovendosi sinuosa,  allungando le ali nello spazio come ad afferrare la luce, la penombra che la circonda, le note che escono dal pianoforte di Loris di Leo e dal clarinetto e il sax di Nico Gori che la accompagnano in questo recital. E non è ma stanca di stare lì, sul palco, dove D. trova il suo habitat naturale.

Corriere_Dello_Spettacolo
Foto di Daria D.

Drusilla è  un mistero che nessuno è riuscito a svelare,  non la troverete su Wikipedia, lei è un personaggio che contiene mille altri personaggi, gioia e delizia di truccatori, stilisti e fotografi, si mostra a volte eccentrica, a volte diva del cinema muto, ambigua, ironica, giovane e vecchia (mai adulta), giocando con il suo corpo di cui ha la completa consapevolezza e, di conseguenza, la capacità di trasformarlo come solo i più coraggiosi sanno fare. Eppure la nonna, da cui ci sembra di capire abbia ereditato pazzia e bellezza, le aveva detto “Sii te”. Niente di più allettante per una ele-ganzissima come lei.

Daria D.

Scritto e diretto da Drusilla Foer
Loris di Leo – arrangiamenti e pianoforte
Nico Gori – clarinetto e sax
Da un’idea di Drusilla Foer e Loris di Leo
Supervisione artistica di Franco Godi
Foto in evidenza di Mustafa Sabbagh

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Maiorano attacca Tescaroli

"Sul tavolo del procuratore aggiunto della procura della repubblica...

Emanuele Dabbono, da Xfactor a Tiziano Ferro

Emanuele Dabbono si era fatto conoscere anni fa per...