Rattristito o rattristato?

Data:

Tutti noi sappiamo che una parola può avere più accezioni, che a volte, differiscono fra loro solo per delle cosiddette sfumature di significato. Per esempio, molto spesso, si pensa che i vocaboli “rattristito” e “rattristato” siano sinonimi, ma in realtà non è così, cerchiamo ora di capire perché.

Il termine rattristato, participio passato del verbo rattristare, indica uno stato d’essere che non è in divenire, ma che già è tale, quale afflitto, addolorato e rammaricato.

La voce rattristito indica invece un’azione che fluisce o in senso transitivo, “ti rattristisco”, o intransitivo, quando ad esempio viene usato per far riferimento ad un fiore che con il passare del tempo si appassisce e che quindi si può definire rattristito, o addirittura, in senso riflessivo “si rattristisce a sentire quei discorsi”.

Questo vocabolo, a differenza dell’altro, mette maggiormente in evidenza il concetto di “flusso dell’attività”.

La rubrica Rispettiamo l’Italiano vi dà appuntamento a giovedì prossimo con altre curiosità riguardanti la nostra lingua.

Martina Naccarato

In copertina la “Melanconia” di Munch

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

È solo la fine del mondo di Jean-Luc Lagarce: il Teatro Stabile Sloveno di...

Trieste, Slovensko stalno gledališče - Teatro Stabile Sloveno, Sala...

RICETTE REGIONALI: VALLE D’AOSTA – PIEMONTE

In questo periodo dell’anno il clima inizia a sentirsi...

Cleonice Fecit. Tra teatro e fotografia d’autore

L’arte trasuda da tutto quello che dice, da tutto...

GASPARETTO contro GIULIO CESARE al Teatro Garbatella di Roma

Apre la stagione del Teatro Garbatella il comico romano...