“FOOTLOOSE”, al via la stagione del Teatro Nazionale di Milano

Data:

Fino al 31 dicembre 2016 al Teatro Nazionale di Milano

Per questa stagione il Teatro Nazionale di Milano propone come primo spettacolo, in scena fino a fine anno, un altro musical americano, Footloose, con un cast tutto italiano diretto e coreografato da Martin Michel.

Tutti si ricordano di questo titolo grazie al film del 1984, protagonista Kevin Bacon, di cui riprende gran parte della trama. Ambientato a Bomont, un piccolo paese di provincia, dove vi si trasferisce da Chicago con la madre (Loredana Fadda), dopo l’abbandono del padre, l’adolescente Ren McCormack (Riccardo Sinisi), appassionato di musica e danza. Qui l’autorità assoluta è del Pastore della cittadina, Shaw Moore (Antonello Angiolillo), che ha bandito la musica rock, la danza ed alcuni tipi di letture perché causa di corruzione della moralità, dopo che alcuni anni prima quattro ragazzi, tra cui suo figlio Bobby, hanno perso la vita in un incidente facendo rientro da un concerto. Ren, con l’aiuto di Ariel (Beatrice Baldaccini), figlia del Pastore ed innamorata di lui, ed alcuni suoi coetanei, convincerà tutti i ragazzi del posto a ribellarsi alla censura scatenando una vera e propria rivoluzione giovanile. Vinceranno la battaglia per poter organizzare un ballo di fine anno dopo non poche fatiche.

I brani di Tom Snow (musiche) e Dean Pitchford (testi), contano canzoni ormai immortali: I Need A Hero, Open Your Eyes, Footloose, oltre ad altre meno coinvolgenti, tutte un tributo al pop-rock anni ’80; le coreografie del regista e coreografo australiano Martin Michel si adattano bene alle musiche, in parte riprese da quelle del film, dove la parte preponderante è data da bei pezzi di country dance; il tutto suonato dal vivo da un’ottima orchestra di otto elementi diretti da Andrea Calandrini. Bellissimi i costumi di Arno Bremers e imponenti le scenografie di Eric Van Der Palen. Insolita e poco coerente però la scelta musicale di eseguire alcune canzoni in italiano ed altre in inglese.

Per la prima volta in un musical italiano ci sono momenti dove chi canta contemporaneamente danza, cosa banale e scontata nei casts americani, ma per niente da noi: o si canta, o si danza. In questo Footloose, invece, grazie forse al regista di stampo anglosassone, finalmente si vede un po’ di vero musical che prevede le due discipline insieme.

Riccardo Sinisi è un Ren azzeccato fisicamente, bravo danzatore e bella voce; un po’ troppo impostato sulla recitazione, ma accumulando esperienza con le repliche migliorerà sicuramente in termini di naturalezza attoriale. Beatrice Baldaccini, ex Cenerentola ora bionda, si conferma una brava cantante ed anche ballerina. Antonello Angiolillo è sempre splendido in qualsiasi ruolo gli si assegni: da Priscilla a Chorus Line, da Cats a Joseph, è una garanzia in termini di recitazione e canto; la parte del Pastore non è per niente semplice, ma la affronta con grande professionalità, affiancato dalla moglie Vi, la bravissima Brunella Platania (Tosca Amore Disperato, Jesus Christ Superstar, I Promessi Sposi). Chi raccoglie più applausi è però Giulio Benvenuti, un simpaticissimo Willard, che da “scemo del villaggio” si rivela essere il miglior amico di Ren e quello che lo spinge davvero a tentare tutto per far abolire l’assurdo divieto. Belle e brave il trio di amiche Rusty (Giulia Fabbri), Urleen (Martina Lunghi) e Wendy-Jo (Elisa Musso), tre voci bellissime e tre personaggi simpatici. Peccato che un vero talento come Floriana Monici, la storica Rizzo di Grease, sia stata relegata ad un ruolo marginale come quello di Eleonor: quasi non la si nota.

Nel complesso la trama dal punto di vista registico si adatta più al cinema che al teatro, ma questa versione merita comunque di essere vista. Un cast giovane che non può che crescere.

Chiara Pedretti

Riccardo Sinisi: Ren McCormack, Loredana Fadda: Ethel McCormack, Antonello Angiolillo: Reverend Shaw Moore, Brunella Platania: Vi Moore, Beatrice Baldaccini: Ariel Moore, Alessandro Parise: Wes McCormack, Roberto Colombo: Coach Roger Dunbar – Cowboy Bob, Floriana Monici: Eleonor Dunbar – Betty Blast, Giulia Fabbri: Rusty, Martina Lunghi: Urleen, Elisa Musso: Wendy-jo, Renato Tognocchi: Chuck Cranston, Manuel Mercuri: Lyle, Angelo Di Figlia: Travis, Giulio Benvenuti: Willard Hewitt, Davide Fienauri: Jeter, Andrea Spata: Bickle, Roberto Tarsi: Garvin, Federica Buda: Ensemble, Lucia Blanco: Ensemble, Gioacchino Inzirillo: Swing Male, Eleonora Lombardo: Swing Female (Dance Captain), Andrea Spina: Resident director – Swing Adult

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

D-STYLE presenzia in EXEMPLA – Il Gran Tour del Saper Fare Campano

Domenico Auriemma è presente in “EXEMPLA – Il Gran...

Al Teatro Brancaccio di Roma fino al 9 gennaio 2022

Credere nei sogni, nella magia, nella buona sorte. Insomma...

Aterballetto, da sempre garanzia di qualità

Come ogni inizio d’estate torna a Milano, al Piccolo...