Il Teatro Nuovo come Tebe: il fascino dell’equilibrio sofocleo

Data:

Dal 17 al 22 gennaio 2017 al Teatro Nuovo di Verona

Dal 17 al 22 gennaio il Teatro Nuovo di Verona ha ospitato i due classici di Sofocle Edipo Re ed Edipo a Colono, rimessi in scena a distanza di vent’anni da Andrea Baracco e Glauco Mauri, e con lo stesso Mauri e Roberto Sturno come protagonisti. Quella che a detta di Aristotele è la “tragedia perfetta”, poi rivalutata come emblema della scoperta dell’inconscio da Freud,  è inscenata da un gruppo di otto attori coesi e dalle forti intenzioni i cui dialoghi serrati hanno dipinto il classico dei classici secondo il canone della bellezza greca, quello della proporzione e del bello ad ogni costo. La macchina attoriale risulta ineccepibile, corpo e mente di ogni attore tutte in scena, sul palco ogni componente dell’ingranaggio corale si incastra nel disegno registico e si presenta lineare, compiuta, senza sbavature. L’atmosfera è tetra, i giochi di luce, gli effetti sonori e visivi e l’azione sempre energica danno vita a un’esperienza plurisensoriale che ci estranea da noi stessi durante tutta la durata dello spettacolo.

Il ritmo cadenzato ha ordito la trama notissima su poche immagini: la prima presenta uno spazio angusto attorno a una pozza d’acqua – quasi a voler significare una purificazione – con unici oggetti di scena una carrozzina di infanti vittime del sacrilegio di Tebe e una scala che si fa ponte, la seconda invece è una scena accesa, candida, dai parallelepipedi squadrati che costruiscono il Tempio delle Eumenidi ove la catarsi di Edipo ormai cieco avrà fine. Non è casuale che la scena sia luminosa proprio quando il protagonista non può più vedere: benché prima potesse guardare il mondo attorno a lui, era cieco di fronte alle sue colpe più nefaste. Molti i momenti di rara poesia che restano impressi: tra i tanti il suicidio di Giocasta su un piano inclinato che abbraccia la morte scalza e fiera, appesa ad un nastro, o le proiezioni dei volti disperati dalla colpa, l’accecamento di Edipo e il discorso finale sul senso della vita. Ogni elemento della scenografia e ciascuna modulazione della voce di questo gruppo unico si fanno magnetici e terrificanti,proprio come lo stesso testo dello drammaturgo ateniese, specie quando rafforzati dalla musica, contrappunto essenziale della messinscena.

Chiara Cataldo

Regia: Glauco Mauri e Andrea Baracco.
In scena: Glauco Mauri, Ivan Alovisio, Elena Arvigo, Laura Garofoli, Mauro Mandolini, Roberto Manzi, Giuliano Scarpinato.
Scene e costumi di Marta Crisolini Malatesta.
Luci di Alberto Biondi
Musica di Germano Mazzocchetti

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

ENoArmonie, insolito festival di musica da camera, approda con successo a Cormons

Cormons, Sala Civica del Comune, 3 marzo 2019  Il Festival ENoArmonie,...

Johannes Franztogo. “Lamborghini is my love”

Johannes is a great lover of Lamborghini history. There...

STRANO EFFETTO: IL NUOVO SINGOLO DI MARTA TRONCI

Dopo lo straordinario successo di “Non ho più regole”,...