“La Divina”, una commedia da morir dal ridere

Data:

Venezia Mestre, Teatro Toniolo, 2 marzo 2017

Letto il titolo, visto il nome che lo accompagna, penso a uno spettacolo sulla Duse o sulla Callas, titolari indiscusse dell’appellativo “divina”. Mi ravvedo quando, scorrendo oltre, scopro trattarsi di un liberissimo adattamento della Commedia dantesca. Ricordi dal liceo affiorano alla mente. Dell’Inferno analizzammo cinque canti, nulla più, e curioso sarei di sapere quanti adolescenti la studiano oggi. Nel 2017 c’è invece chi ancora coraggiosamente attinge al patrimonio letterario italiano per farne occasione di spettacolo. Non è impresa facile riuscire a ridere con tale materiale, ma la storia messa su da Alessandro Fullin è spassosissima, sulla scia delle parodie del compianto Paolo Poli e numeri cantati dall’appeal contemporaneo. Papa Ratzinger comunica l’inesistenza del Purgatorio. Dante torna nell’Oltretomba, costretto a riscrivere tutto. Più difficile di quanto previsto ora che l’amore per Beatrice s’è rivolto ad altri lidi! Accompagnato da Virgilio tra angeli e demoni, bolge infernali e sfere astrali, Dante-Fullin incontra Paolo Malatesta, Farinata degli Uberti e altri celebri dannati, tra siparietti danzati sulle note degli Abba, Lola Montès e altre icone gay.

Fullin rilegge in chiave camp l’immortale poema, infarcendolo di citazioni d’ogni sorta, dimostrando di essere uomo di cultura raffinata. La regia punta su una frivola dinamicità che non dà tregua allo spettatore, ricca com’è di freddure, battute folgoranti e comici aforismi, spesso gettati al pubblico con quell’ironica lapidarietà che contraddistingue Fullin. Le coreografie di Sergio Cavallaro sono davvero ben eseguite dai ballerini, all’interno della scenografia minimale fatta di quattro zanne ricurve, una sfera e cubi bianchi per sedersi. In questo continuo cortocircuito, Fullin dà voce, con quell’inconfondibile tono che lo contraddistingue, a quella comune cultura omosessuale che va da Liz Taylor a Carolyn Carson, dagli Abba alla Fletcher, senza risparmiare velate malizie e pungenti ironie. I costumi di Monica Cafiero fanno uscire i personaggi dalle illustrazioni di un’edizione liberty, semplici in quelle tuniche bianche con grafismi neri che sanno di teatro dannunziano d’antan. Sebbene sia arduo resistere al protagonismo del comico di Zelig, si distinguono gli attori della compagnia Nuove Forme Simone Faraon, Virgilio d’impertinente bravura e Tiziana Catalano, Beatrice sconsolata che si rifarà ben presto coll’altrettanto sconsolato Paolo, Paolo Mazzini.

Teatro affollato, risate a profusione e consensi calorosi per tutti.

Luca Benvenuti

 

La Divina
Assai liberamente tratto da La Divina Commedia di Dante Alighieri
Con Alessandro Fullin e la compagnia Nuove Forme (Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro, Simone Faraon, Paolo Mazzini, Mario Contenti, Ivan Fornaro)
Regia e adattamento: Alessandro Fullin
Coreografie: Sergio Cavallaro
Costumi: Monica Cafiero
Scene: NuoveForme Asd Aps
Luci: Giorgio Tedesco
Produzione: Musa Produzioni

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Il Premio FERSEN, alla regia e alla drammaturgia italiana vivente, XIV ed.

Cerimonia di premiazione: Mercoledì 5 dicembre 2018, dalle h....

Un accordo stonato di Gianni Bortolaso.

I mondi della scrittura sono vasti e multiformi, variegati...

“Indecifrabile”, il nuovo singolo dei Twik

É uscito giovedì 14 dicembre 2023 su tutte le...