Il tram

Data:

 
ITALIA  1973  50’  COLORE
REGIA: SIRIO BERNADOTTE [DARIO ARGENTO]
INTERPRETI: ENZO CERUSICO, PAOLA TEDESCO, PIER LUIGI APRA’
VERSIONE DVD: SI’, edizione RAI TRADE

Il commissario Giordani (Cerusico) è alle prese con una brutta gatta da pelare: una ragazza è stata uccisa su un tram durante l’ultima corsa notturna ma, incredibilmente, nessuno si è accorto di nulla. In assenza di testimoni oculari, Giordani decide di proseguire le indagini in maniera sperimentale, convocando le poche persone presenti al momento del delitto e ricostruendo con il loro aiuto la scena del crimine; i pochi indizi raccolti sembrano incastrare il bigliettaio del tram, però qualcosa non quadra, così il commissario decide di ripetere la simulazione dell’episodio, ma stavolta di notte e con la propria fidanzata nel ruolo della vittima…

Il migliore dei quattro episodi della serie televisiva La porta sul buio, ideata e presentata per la Rai da Dario Argento che ne Il tram, oltre a firmare soggetto e sceneggiatura, è anche regista, nascosto dietro un curioso pseudonimo (Sirio Bernadotte). Questa prima incursione televisiva argentiana è senz’altro l’opera meno conosciuta del periodo d’oro del regista, quegli anni ’70 nel corso dei quali, sulle orme del Maestro Mario Bava, ha reinventato il thriller all’italiana codificandone e imponendone le maniere (l’assassino con impermeabile, cappello e guanti neri, l’armamentario a base di coltelli e rasoi, le inquadrature in soggettiva che adottano il punto di vista del maniaco, le telefonate minatorie con la voce distorta o in falsetto…), divenute poi irrinunciabili stilemi per la pletora di epigoni che hanno tentato, invano, di imitarlo. Il tram trasferisce efficacemente sul piccolo schermo, in una sorta di riduzione-bignami, le atmosfere e gli ingredienti tipici dei primi gialli girati dal regista fino a quel momento (l’ottimo esordio de L’uccello dalle piume di cristallo, i successivi e meno riusciti Il gatto a nove code e Quattro mosche di velluto grigio): suspense, violenza contenuta e spesso stemperata dall’astrazione, geniale e suggestivo utilizzo delle ambientazioni, presenza di un protagonista (in questo caso, un poliziotto: una vera rarità nella filmografia di Argento) coraggioso e determinato a scoprire la verità anche a rischio della propria vita, alleggerimenti umoristici affidati a macchiette di contorno (come il mitomane che si autoaccusa del delitto) e, ultimo ma non per importanza, colonna sonora a base di un nervoso e ansiogeno free jazz, qui affidata a Giorgio Gaslini che, raccogliendo idealmente il testimone da Ennio Morricone, fa quasi le prove generali in vista dell’epocale Profondo Rosso, il cui successo è legato in buona parte alle partiture jazz dello stesso Gaslini, oltre, naturalmente, a quelle progressive-rock dei Goblin di Claudio Simonetti. Mancano soltanto, per ovvi limiti logistici e di budget, i funambolici virtuosismi tecnici (soprattutto a livello di inquadrature) che diventeranno un vero e proprio marchio di fabbrica nelle opere successive, anche se il finale all’interno del deposito dei tram deserto rende giustizia all’abilità del regista, oltre a costituire un esempio di pura tensione “alla Argento”. Semplice quanto ingegnosa la soluzione del mistero che, come rivelato nell’introduzione all’episodio dallo stesso Dario Argento, è ostacolata da un tentativo di depistaggio, messo in atto da… non ve lo dico!

L’edizione DVD a due dischi riunisce i quattro episodi de La porta sul buio, di cui Il tram, ripeto, costituisce nettamente il capitolo migliore: una vera chicca per appassionati e “completisti” argentiani, e tutt’altro che un’opera minore nella filmografia del mago italiano della Paura (per citare il titolo della sua interessante autobiografia).

Francesco Vignaroli

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Danza Macabra”. I vampiri di Strindberg

Teatro Verdi, Padova, 23 aprile 2016 Crisi coniugale d’inizio secolo....

“L’ORA DI RICEVIMENTO”: Fabrizio Bentivoglio insegnante in una banlieue

Teatro Signorelli, Cortona. Giovedì 26 ottobre 2016 Con un misto...

Al Teatro Vascello di Roma il gruppo Nonov con “Xebeche”

Al Teatro Vascello di Roma Come secondo appuntamento della rassegna...