Lorenza Monti, un percorso personale che conduce allo spettacolo

Data:

Oltre all’apparenza, c’è molto di più. Una ricerca interiore che ha spinto Lorenza Monti ad entrare in un percorso individuale alla ricerca di se stessa, strada che, a quanto dice, l’ha portata alla vera felicità. Un lavoro di sintesi e di approfondimento che le ha permesso di trovare il senso delle cose anche nei momenti più difficili. Oggi, a 31 anni di età, oltre ad essere una delle ballerine che lavora nei locali più prestigiosi d’Italia collaborando con le compagnie di ballo che hanno scritto pagine indelebili a livello artistico in Italia, Lorenza è anche coach energetica e spirituale oltre che personaggio social del momento. Insieme ad Emily Zanussi, è sbarcata su Facebook e Youtube con i video “Vita da ballere” in cui ha scelto di raccontare il “dietro le quinte” della propria vita artistica. Un modo per permettere a tutti di vederla… nel quotidiano, nella vita reale, affaccendata nelle corse di tutti i giorni.

Partiamo dal tuo ruolo di ballerina.

Ho iniziato sei anni fa a lavorare come ballerina nei locali top d’Italia, collaborando con gli staff di maggior prestigio. Prima mi occupavo d’altro, forse avevo troppi pregiudizi verso il mondo dell’immagine. In seguito, col mio percorso spirituale, ho capito che era l’occasione giusta. Ho trovato in Emily una persona su cui appoggiarmi e condividere questo mio percorso. Ed ecco che ho potuto davvero realizzarmi a livello artistico.

E, insieme, pochi giorni fa vi siete buttate sui social…

Con “Vita da ballerre”, un’idea che sintetizza tutta la nostra voglia di esprimerci per come siamo davvero nel quotidiano. Gli uomini sono abituati a vederci ballare in discoteca, contornate da un’aura di bellezza e irraggiungibilità, ma in questi video mostriamo l’altro lato di noi stesse. La nostra normalità.

Avete scelto la chiave dell’ironia…

Per lanciare un messaggio molto sincero: non siamo sempre le ragazze super curate e super sicure come ci si può vedere nei locali! Abbiamo anche noi le nostre debolezze, i nostri interessi, le nostre faccende quotidiane. Puntiamo sull’esprimere noi stesse per ciò che siamo. Noi l’abbiamo fatto principalmente per nostra esigenza di far vedere la nostra normalità e umanità, esprimere ciò che siamo davvero, e ci siamo molto divertite. Se il progetto ci darà visibilità tanto meglio.

Com’è il tuo rapporto con i social?

Li uso per esprimere ciò che voglio, Facebook mi offre la straordinaria possibilità di raccontare davvero ciò che sento. È uno strumento di espressione ormai irrinunciabile.

Oltre alle tue emozioni, spiccano le tue immagini.

Penso che un’immagine abbinata ad un testo raggiunga il lettore in modo ancora più forte. Eppure, al contrario di quello che si potrebbe immaginare, non amo far foto né le faccio tanto spesso. Preferisco interagire con le persone, trasmettere me stessa mentre parlo: ecco perché nei video, o nella conduzione, mi sento molto già a mio agio.

Col piccolo schermo, infatti, hai già avuto modo di… interfacciarti.

Anni fa ho lavorato in una tv locale dell’Emilia Romagna e recentemente sono stata protagonista del programma “Parla con lei”, dove ho potuto trasmettere tutta me stessa. È stata una bellissima esperienza, in cui credo sia emerso chi è davvero Lorenza…

Perché c’è un lato molto intimo della tua persona.

Un lato nato quattro anni fa, quasi per caso, quando ho iniziato il mio percorso spirituale. Ho subito avvertito l’esigenza di approfondire ciò che stavo vivendo e poco dopo ho capito che il mio destino era quello di intraprendere la strada del coaching. Ho lasciato un lavoro full time che avevo per scoprire una strada tutta nuova. Ed è stato fantastico…

Cos’è successo?

Ho ritrovato serenità in tutto ciò che faccio, anche quando mi trovo a fronteggiare situazioni negative avverto le mie energie. Ho capito che ognuno di noi può crearsi la realtà che vuole, a patto che indaghi veramente se stesso. Lo ripeto a chiunque mi incontri: ad oggi io vivo in uno stato di perenne ferie, perché nella vita faccio solo ciò che voglio e solo ciò che mi piace. La ricerca interiore per me è stata la chiave di tutto.

Una ballerina-coach, difficile da trovare in giro per il mondo…

Ho capito che il mio destino sarà sempre quello di avere un piede nella spiritualità e uno nella materia. Ecco perché uso anche la mia immagine sul lavoro. Penso di avere una sensualità delicata ed eterica, che può sposarsi bene ed aiutarmi in entrambe le mie attività. Sono completamente a mio agio sia quando ballo sul cubo, sia quando aiuto le persone. Perché ho capito che nella vita, andando al di là dei pregiudizi e delle credenze limitanti, si può essere tutto ciò che si desidera.

Luca Fina

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

APATIA, il nuovo singolo di Gretel

Fuori da venerdì 11 marzo per Formica Groove nuovo singolo di Gretel dal titolo Apatia (distr. Artist First). Con questo...

“La strada all’altezza degli occhi”. Anime che si ascoltano

Roma, Teatro Marconi, dal 18 al 28 gennaio 2024 Si...