Francesco Testi è ‘Il Mio Uomo Perfetto’: al cinema dal 15 marzo. L’attore veronese, è nel cast del film diretto da Nancy Coppola

Data:

Esiste l’uomo perfetto? Antonietta, una giovane barista single di 29 anni, è alla ricerca dell’uomo colto, ricco, simpatico, intelligente, divertente, insomma l’uomo ideale. La affiancano nell’impresa l’amico gay, nonché collega barista, Mariano, e la sua migliore amica, Patrizia, la parrucchiera; e ovviamente anche i genitori, napoletano verace il padre, veronese la madre. Antonietta trascorre le sue giornate dietro il bancone del bar a studiare i comportamenti degli uomini, divertendosi a fare pettegolezzi insieme al collega. Ogni caffè è un potenziale candidato per Antonietta stanca della solita routine. Dopo Federico, giovane e bel magazziniere accecato dalla prosperosa barista, arriva il dott. Stralti, affascinante manager di un’azienda i cui uffici si trovano vicino al bar. Chi dei due sarà quello giusto?

“Un film love budget”, un film fatto con amore, lo definisce scherzando la neofita casa di produzione, Evo Films, fondata dal regista e Nancy Coppola che debutta al cinema come attrice protagonista nel ruolo di Antonietta. Dopo quattordici anni di carriera tra musica e teatro, l’artista campana decide di mettersi in scena davanti alle telecamere insieme a Eva Grimaldi, Francesco Testi e Antonio Palmese. L’innata teatralità campana le fa superare pienamente la prova.

A parlarci del film troviamo il bellissimo e bravissimo attore veronese, tra i protagonisti del film Francesco Testi.

Ha creato molto dispiacere il tuo addio al ruolo di Vito Licata nella fiction Furore 2. I fans sono rimasti amareggiati da questo. Ti vedremo mai in un’altra fiction televisiva?

Non escludo nulla a priori per quanto riguarda le mie prospettive di lavoro. Certamente sono più propenso a valutare ruoli in cui possa essere protagonista, come nella prima serie di “Furore”.

A partire dal 15 marzo 2018 figuri al cinema nel film ‘Il mio uomo perfetto’ insieme alle naufraghe de L’Isola Dei Famosi 2017, Eva Grimaldi e Nancy Coppola. Come è stato lavorare in un film con una produttrice donna oltre che ad altre donne di successo come Nadia Rinaldi, Claudia Letizia, Lucia Bramieri, Malena etc.?

Il mio universo ruota intorno alle figure femminili della mia vita, è sempre stato così. Oltretutto sono un femminista convinto e mi prodigo attivamente da anni contro la violenza domestica sulle donne, quindi la risposta è semplice: non ho avuto alcuna difficoltà ad approcciarmi al fatto che la produttrice fosse donna. Anche lavorando in Spagna ho avuto a che fare con una produttrice donna (in “Velvet”). Non c’è nessuna regola che imponga al mondo cinematografico di chiudere le porte alle donne e mi piace pensare che questa idea sia ormai un banale anacronismo.

La Evo films ha dichiarato: <<Vorremmo trasmettere con simpatia un messaggio umile e sincero: non è vero che i sogni non si avverano, come non è vero che l’uomo perfetto non esiste? A volte basta crederci>>.. Tu ti reputi un “uomo perfetto”?

L’uomo perfetto non esiste in assoluto, ma credo che esista l’uomo perfetto per ogni donna. SI è perfetti nella misura in cui la donna che sta con te ti reputa tale. E’ bello comunque, attraverso una commedia soprattutto, poter lanciare messaggi positivi.

In un mondo dove molti uomini hanno paura delle donne di potere , Francesco Testi cosa pensa delle donne di successo?

Come ti dicevo prima non ho nessuna intolleranza rispetto a questo argomento, anzi. Il potere ed il successo è giusto che siano raggiunti da chi se li merita, a prescindere dalle considerazioni di genere.

Un racconto romantico, divertente e ottimista che tocca tematiche quali l’omosessualità, il riscatto del ruolo della donna, e – ovviamente – tutte le sfumature dell’amore. Come è stato girare questo film?

E’ stata una bella esperienza perché abbiamo girato tutto a Napoli e dintorni, in un contesto che a me piace vivere. Le gente del sud ha un calore ed una verve che sono in perfetta sintonia con il mio carattere. Tutto l’universo “Evo Films” è composto di brave persone che si adoperano con buona volontà e l’estro tipico dei Napoletani, la “cazzimma”… E’ impossibile non lavorare bene con loro.

Marco Assante

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Suoni e canti a gloria del Signore e del Creato per finire la religiosità...

  Pure questo nuovo anno bisestile s’è chiuso nel tempio...

Un “Turco in Italia” giovane e di successo

12 giugno 2022 al Teatro Carlo Felice di Genova Oggi...

Milano si tinge di verde.

A Milano, al Teatro Della Luna, è transitata per...