Piovani dirige Piovani al Benevento Cinema Televisione, nel Sannio

Data:

Sold-out per il concerto da Oscar che ha chiuso il BCT, il festival che, per il secondo anno consecutivo, ha impreziosito l’estate sannita con volti noti del panorama televisivo e cinematografico italiano.
Fra questi, il Maestro Nicola Piovani, che non avrebbe bisogno di presentazioni. Insignito di una pletora di Premi, dai David di Donatello – di cui ricordiamo almeno quelli per le collaborazioni con Moretti, ai Nastri d’argento – con le composizioni per Fellini, Benigni e Monicelli, per citarne solo alcuni. Piovani è ricordato soprattutto per quell’impennata d’orgoglio nazionale che ha fatto scattare in ogni italiano, non solo nei cinefili, nel 1999, agguantando l’Oscar per la miglior colonna sonora, con La vita è bella. L’orgoglio si ravviva ad ogni ascolto della partitura servita a Roberto Benigni per ripercorrere quella struggente storia d’amore e di paternità ambientata in un campo di lavoro nazista.

Il direttore artistico del BCT, Antonio Frascadore, ha – giustamente – individuato nel Maestro Piovani il nome di punta del festival. Dopo una carrellata di nomi – fra cui Barbara D’Urso, Riccardo Scamarcio, Christian De Sica, Stefania Sandrelli e Alessandro Siani -, la chiusura della kermesse è stata affidata a Piovani, in una cornice molto suggestiva: il Teatro Romano, costruito sotto l’imperatore Adriano e ampliato da Caracalla.

Piovani dirige Piovani ha presentato tre suite sinfoniche riassemblate ad hoc per un’esecuzione teatrale. “Quando lavoro per il cinema” ha spiegato il Maestro “in una prima fase compongo le partiture musicalmente in sintonia con la poetica del film. In una seconda fase, queste stesse partiture le scompongo e le ricompongo al montaggio del film. Perché in una sequenza c’è bisogno della sola frase melodica; in un’altra, della sola trama armonica; in un’altra, del solo ritmo. Ma poi, nella sala da concerto, penso sia opportuno presentare le partiture nella loro interezza originaria, nella veste in cui di solito si ascoltano solo in alcune sequenze e nei titoli di coda.”

In effetti, ascoltando le suite, che devono il nome a tre registi con cui il compositore ha collaborato negli anni, la memoria emotiva del pubblico si è accesa, raggiungendo anche picchi incandescenti.
L’Orchestra Filarmonica di Benevento, che vanta di essere la più giovane d’Italia, ha ben “traghettato” il pubblico in un viaggio attraverso titoli dei fratelli Taviani (Fiorile, Il sole anche di notte, La notte di San Lorenzo, Good morning Babilonia), Benigni (Pinocchio, La vita è bella) e Fellini (Intervista, La voce della luna, Ginger&Fred).

Concerto riuscito, performance applauditissime, standing-ovation finale.

Maria Vittoria Solomita

ORCHESTRA FILARMONICA DI BENEVENTO
Flauti: Vittorio Coviello, Erica Parente
Flauto dolce: Lorenza Maio
Oboi: Giovanni Pistis, Floria Girolami
Clarinetti: Agostino Napolitano, Selene Malizia
Fagotti: Tancredi Rossi, Ugo Montenigro
Trombe: Alessio Puglisi, Adamo Messano
Corni: Luca Iacuzzo, Enrico Imperioli, Luca Carrano, Francesco Delli Bovi
Sassofono: Marina Cesari
Fisarmonica: Michele Storti
Tromboni: Rocco Angelillo, Vincenzo De Luca
Tuba: Costanzo Pietrantoni
Percussioni: Sandro Verlingieri, Pierangelo Pellegrino, Niccolò Russo
Batteria: Ivan Gambini
Tastiera: Jacopo Cerulo
Pianoforte: Valentina Funaro
Violini I: Alice Notarangelo, Mariacarmela Lipizzi, Antonella Catalano, Arianna Messina, Federica Sarracco, Michela Marchiana, Antonio Nobile, Luca Pergolotti, Andrea Petricca, Daniel Savina
Violini II: Lorenza Maio, Federica Paduano, Carmen Verzino, Federica D’Addario, Beatrice Gargiulo, Elena Sofia Ferrante, Michela Carotenuto, Giovanna Trapanese
Viole: Clara Deheza, Federica Bibbò, Augusta Mistico, Giangiacomo Ferrante, Giulia Romano
Violoncelli: Emilio Mottola, Mauro Fagiani, Antonio Aprile, Alessandra Ercolani, Luigi Varallo, Antonietta Pilolli
Contrabbassi: Pierluigi Bartolo Gallo, Alessandro Leone, Giulio Izzo
Arpa: Maya Martini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati