Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Il primo contest di burlesque a Torino

Data:

Raffinato, mai volgare, alquanto spiritoso. Ci si trova a passare tre giorni (28 -29 -30 settembre) in questa magnifica atmosfera di lustrini, boa e paillettes che contornano splendide donne (e uomini) facendo nascere “Amazing Flamingo” cabaret & burlesque Torino Festival. L’ideatrice, la sfavillante Fede Benna, in arte “Vanille Bon Bon”, ha saputo mettere a frutto un suo sogno con squisito gusto, ricamandolo in ogni piccolo dettaglio, per dare vita a questo primo contest in una serata accogliente, amalgamandola all’ambiente (già bello di suo) in cui si è concretizzato il suo “desiderio” in modo elegante e raffinato, quasi fosse una prima alla Scala di Milano, iniziando dalla couture dei vestiti dello Staff (pochette comprese) proseguendo con lo scenario del locale ospite, qual è il Q 77, gestito in modo sapiente da Silvia Volante.

Come ogni gara che abbia senso, c’è un presentatore, chi non meglio poteva esserlo se non Simone Moretto (quello di Forbici Follia per intenderci N.d.A.) che con l’acutezza innata ha saputo mantenere alto il livello di questa fantastica serata. Al suo fianco una madrina effervescente, carica… esplosiva… e piacevole a vedersi: Bianca Nevius. Nella seconda serata il posto di presentatore è stato affidato a Barbie Bubu. Durante l’intrattenimento si sono susseguiti interventi del carissimo “tormentone” cabarettista Marco Turano (l’abbiamo visto anche durante la seconda serata) presentandoci personaggi che hanno fatto storia. Dopo di lui troviamo anche il cabarettista Giuseppe Vetti.

Seduti al tavolo della giuria, giudicando le perfomance, troviamo nomi di assoluta serietà professionale, iniziando per galanteria (e di parte) da due carissime amiche “inseparabili”, Cherri & Carmilla; con loro Vibrisa e Miss Malafemmina, non ultimo e grande performer il simpatico Russel Bruner (lo rivedremo anche il secondo giorno insieme alla splendida Albadoro Gala e Virgi Denice) coperto di applausi durante la sua esibizione.

Un pubblico attento e partecipe, pronto a dare “fiato all’ugola” per incitare chi si metteva in mostra sul palco fornendo la sua versione di uno squisito burlesque. Ecco le newcomers della prima serata de La Madamina, in ordine alfabetico per non fare distinzioni sulla loro competenza artistica: Ariel Bonham, Astrid Vanderlust, Blanche de Moscou. Per proseguire troviamo Brian, Clair de Lune, Eletric Ice, Fifi Fantome Gipsy Luz, Jiminy Cricket (prima classificata), Lola Du Monde (terza classificata) e poi ancora Lucky Shine, Petit Cheri, Rossa Di Sera e Satie La Goulue (seconda classificata)… tutte brave.

Le performer della seconda serata sono state (sempre in ordine alfabetico): Angelica G. L’Amour, Betty Crispy (vincitrice), Cherry Lyly Darling (seconda classificata), Fanny di Favola, Imi Silly Noir (terza Classificata), Jolìe Tease, Lizzy Brown, Mes Mystique, Pearly Poppet, Racy Ros Rose de Noir, Sapphira e in chiusura il magico, simpatico e superlativo Valentino De Labiase. Eccellente è stato anche Matteo Cionini, pronto a dirigere la sua “immaginaria orchestra”, cavallo di battaglia da sempre! Le scelte musicali sono frutto di una preparatissima Manu Manuche dando sonorità a queste memorabili giornate spassose, simpatiche e piene di carica emotiva da far salire la colonnina di mercurio… e qualche battito cardiaco in più… tanto era incandescente l’intrattenimento.

Considerato l’afflusso e l’apprezzamento, Amazing Flamingo potrebbe tornare il prossimo anno, pertanto noi fiduciosi l’attenderemo, per la seconda edizione!

Daniele Giordano

Crediti:
Fotografo: Max Prono
Locale: Q 77
In foto:
La vincitrice (da sola)
La vincitrice insieme all’ideatrice Fede Benna, in arte Vanille Bon Bon
Il gruppo di 14 performer (in primo piano) Simone Moretto, Fede Benna, Marco Turano

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Passepartout Duo annuncia Vis-à-Vis, il nuova album in uscita il 10 aprile

Combinando cantilene musicali, lamentazioni introspettive e atmosfere trascendentali, Vis-à-Vis...

Grow up! Il Teatro de LiNUTILE raddoppia i propri spazi e i propri spettacoli

Lo storico e critico teatrale Fabrizio Cruciani chiudeva la...