Paola Mercurio. Donna che più donna non ce n’è

Data:

Se si parla di una femminilità sexy, ma mai ostentata e volgare, anzi, sensuale, genuina e femminile – termine che, in un periodo storico in cui l’identità sessuale diventa sempre più difficile da scoprire, non si può ritenere scontato – viene da pensare a Paola Mercurio, conduttrice più conosciuta forse più al mondo della televisione del Sud, ma che meriterebbe di essere valorizzata in tutta la penisola. Per innamorarsene basta guardarla, emblema di una bellezza italiana, mediterranea, carnale, scottante, naturale, che negli ultimi anni si sta perdendo a favore di una donna fatta con lo stampino, rifatta, ritoccata, artefatta. Paola Mercurio tiene alla sua femminilità e vuole emergere per la sua femminilità, per il suo essere donna, cosa che non accade così frequentemente, visto che non sono poche coloro che per emergere si trasformano in “maschiacce”.

Accanto a uno charme che è inutile descrivere, la presentatrice completa il suo piacevole aspetto esteriore con una brillante interiorità. In questo caso il detto “mens sana in corpore sano” calza a pennello, perché è tanta l’intelligenza della Mercurio nel saper giocare proprio con la sua stessa bellezza, non sfociando mai nella volgarità, nonostante un fisico che glielo permetterebbe con facilità. Da qui si notano in particolar modo il suo tessuto e le sue radici, di donna che per il successo non baratterebbe mai il suo essere intrinseco, dotata anche di un carattere forte e coerente, di una personalità definita e determinata dalla quale molte che si avvicinano a questo mondo dovrebbero prendere spunto (Paola Mercurio è anche insegnante di portamento per giovani aspiranti modelle), non per copiarla, ma proprio per imparare a tirare fuori quella unicità che risiede nell’intimo, senza correre il rischio di arrivare a tristi compromessi e diventare una pecora da gregge – è più importante avere la coscienza a posto, rispetto ad ottenere un successo ricoperto di ombre. Quello che penso in definitiva di Paola Mercurio l’avete capito: una donna che è Donna, con la “D” maiuscola, proprio perché unisce in sé bellezza straordinaria, atteggiamento e temperamento strettamente personali. Ecco quando una donna si trasforma in opera d’Arte.

Pier Sauro Minutillo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“A-LIVE”, INTERVISTA A THE POZZOLIS FAMILY

Perché sopravvivere ai figli è una cosa da ridere!...

Quattro chiacchiere con Valentina Riposati

Ilaria Solazzo, giornalista pubblicista e blogger, ha intervistato, oggi,...

L’arte in epoca Covid

Il 26 gennaio 2021 presso l’Istituto Comprensivo ‘Pietro Egidi’...