“Ditegli sempre di sì” al Teatro Diana

Data:

Una delle più apprezzate compagnie italiane approda al teatro Diana di Napoli:

Elledieffe – La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo, propone una delle più amate commedie del repertorio eduardiano, Ditegli sempre di sì con la regia di Roberto Andò.

Protagonisti sul palco Gianfelice Imparato nei panni del protagonista Michele Murri mentre Carolina Rosi è la sorella Teresa.

Ditegli sempre di sì è uno dei primi testi di Eduardo, una commedia molto divertente che, pur conservando le sue note farsesche, suggerisce serie riflessioni sul labile confine tra salute e malattia mentale.

La compagnia prosegue così il suo lavoro di diffusione e valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale della famiglia De Filippo, una delle più antiche della tradizione teatrale italiana.

Michele Murri il protagonista è stato per un anno in manicomio e solo la fiducia di uno psichiatra ottimista gli ha permesso di ritornare alla vita normale. Michele è un pazzo tranquillo, socievole, cortese, all’apparenza l’uomo più normale del mondo, ma in verità la sua follia è più sottile perché consiste essenzialmente nel confondere i suoi desideri con la realtà che lo circonda. Eccede in ragionevolezza, prende tutto alla lettera, ignora l’uso della metafora, puntualizza e spinge ogni cosa all’estremo, tornato a casa dalla sorella Teresa si trova a fare i conti con un mondo assai diverso dagli schemi ai quali si era abituato in manicomio. Tra equivoci e fraintendimenti alla fine ci si chiede: chi è il vero pazzo? E qual è la realtà vera?
Ditegli sempre di sì è un’opera vivace e colorata, una commedia molto divertente che riesce però a suggerire serie riflessioni sul labile confine tra salute e malattia mentale.

Il regista Roberto Andò sottolinea «Con grande emozione mi accosto alla regia di un testo di Eduardo, raddoppiata dall’onore di dirigere la compagnia intestata a un grande amico e straordinario interprete: Luca De Filippo. Ditegli sempre di sì è una commedia in bilico tra la pochade e un vago pirandellismo, un congegno bizzarro in cui Eduardo si applica a variare il tema della normalità e della follia, consegnando al personaggio di Michele Murri, il protagonista, i tratti araldici della sua magistrale leggerezza.»

Marco Assante 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Camilla Neuroni. Moda e televisione tra sogno e realtà

Che non sia “solo” una ragazza a cui piace...

Rachele Guidi, una modella… vintage

Gli anni Cinquanta sono la sua piacevole ossessione. Una...

Il Natale, gli anni Ottanta e uno shooting da non perdere

Uno shooting natalizio in stile anni 80 capace di far...