Amore, criminalità e truffa nell’originale ed emotivo lavoro ”killer per casa” con le performance di G.WURTH, S. PESCE e P. GASPERINI

Data:

Al Teatro Golden di Roma, fino al 23 febbraio 2020

Spesso capita di non renderci conto delle persone di cui ci circondiamo e così andiamo incontro,senza saperlo, a delle spiacevoli disavventure di cui, allorché ce ne accorgiamo,non possiamo che subire le conseguenze disastrose. Questo è il messaggio che ci lancia la vivace e poliedrica commedia scritta a 6 mani da M. NATALE, E. SPERANZA ED  A.TAGLIACOZZO, intitolata ”killer per casa”, che è ricca di contenuti etici, psicologici e sentimentali, che s’incrociano con momenti della pièce, in cui l’uno prevale sull’altro. L’amore infatti s’inserisce nel giallo, che si materializza con sorprendente paradosso esistenziale, all’interno d’un impresa economica che fallisce per una improvvisa gestione del business interpretato da un politonale e disarmante,imprudente ed ingenuo Stefano Pesce reduce dalla trasmissione settimanale” applausi,”che improvvisamente una mattina si ritrova povero ed indagato perché la guardia di finanza gli ha sequestrato i libri contabili dell’azienda e chiuso i conti  correnti. Il vecchio compagno di scuola e commercialista della ditta Marco s’incarica di tirarlo fuori dai guai, ma sta proprio qui la beffa e l’inganno di cui il buon Ennio s’avvede e soltanto per una fortuita coincidenza, che lo getta nella più profonda depressione ed amaro avvilimento nel giorno che per lui doveva essere felice soldi e donna fedifraga. Tuttavia come fosse un “deus ex machina” EURIPIDEO vedrà comparire vicino alla sua porta un brutto diavolo, nei panni dell’occhialuta massaia condomina sul pianerottolo la statuaria GIORGIA WURTH, che ispeziona la di lui casa per un losco e truce piano omicida che deve portare a termine. Ennio vorrebbe essere eliminato gratuitamente da lei,tuttavia tra i due scoppia una naturale simpatia, arrivando a scoprirsi con le loro reali identità, finché lei gli propone un piano di vendetta calcolato nei minimi dettagli, che incuteranno terrore a Marco facendolo confessare e capitolare con un atteggiamento del tutto opposto a quello che aveva prima.Pure i predatori talora hanno paura e s’arrendono come afflitti dalla sindrome di Peter Pan. La creatura  angelica di nome ELEONORA lo galvanizza, gli restituisce fiducia nella vita e lui la ricambia inducendola a meditare sul fatto che la sua professione di serial KILLER,avrà solo ripercussioni negative rovinandole l’esistenza, che dovrebbe sciupare per un omicidio ordinatole con un fucile kalasnikov con occhialino verso un bersaglio di primo piano nell’albergo STARDUST di fronte. La bella e sensuale Giorgia WURTH ruba l’anima ad Ennio spingendolo ad unire per affinità elettive i loro cuori. Il doppio traditore Marco, impersonato da un subdolo prima e poi intimorito Paolo Parini, ha perso la partita insieme alla vanitosa ed avida Paola. La commedia è coinvolgente per gli imprevisti,le riuscite ed i colpi a vuoto, le rese che i protagonisti dovranno accettare, come il foglio di autodenuncia sottoscritto da MARCO.Struggente è pure la messa in scena della falsa morte di ENNIO, che ha ritrovato un motivo di validità quando tutto sembrava perso.Finchè respiriamo c’è speranza! Si replica fino al 23/02 con la disinvolta psichica regia sensitiva da”noir” e melò DI MASSIMO NATALE.

Susanna Donatelli e Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Riccardo Onori, dai Dirotta su Cuba a Jovanotti

È un tipo schivo, riservato, nobile. Allegro, sempre disposto...

A Passi di Danza con Antonella Laezza

Mancano pochi mesi ai festeggiamenti ufficiali dei primi dieci...

La Poesia raccontata da un uomo che scrive

Spesso definiamo la poesia come un’attività artistica appartenente a...