Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Roma rende omaggio all’Arte del suo insigne pittore del ‘500 ORAZIO BORGIANNI (1574-616)

Data:

Prima della chiusura dei musei e dei locali pubblici per via del virus, che ormai è diventata pandemia per decisione dell’OMS, abbiamo fatto in tempo a visitare nella zona nevralgica della capitale,nella storica via delle 4 Fontane, la galleria nazionale d’arte antica Barberini che, parallelamente all’eccelsa mostra sul sommo maestro Raffaello alle scuderie del QUIRINALE, tiene a battesimo la prima esposizione monografica dedicata ad un travagliato spirito religioso del ‘500, natio della capitale vissuto nell’epoca della controriforma con la santa Inquisizione e vissuto 42 anni: dal 1574 al 1616. Intendiamo parlare di Orazio Borgianni che per la luminosità del colore e la nitidezza dei suoi soggetti biblici con la sacra famiglia ed i santi in primo piano si colloca tra ”l’urbinate” ed “il greco” da una parte e Correggio e Tintoretto con il loro vedutismo dall’altra. La visione delle sue opere è arricchita da un’antologica di artisti riconducibili alla sua scuola con un imponente serie di quadri riconducibli alla sua scuola e”bottega romana”. Nelle prime delle 6 stanze su cui è articolata la mostra vi sono 18 realizzazioni pittoriche dell’artista eseguite a Roma dopo il suo ritorno dalla Spagna, dove s’era formato seguendo metodologicamente il lavoro manuale di EL GRECO per un decennio.Tra queste esecuzioni quiriti risaltano: ”L’AUTORITRATTO” e “la sacra famiglia con San Giovannino, Sant’Elisabetta ed un angelo”, detenute dalla Galleria, mentre sono preziose pure la nascita della vergine e del Cristo ove la luce è focalizzata appunto sulla culla per didattico simbolismo.Nel decennio trascorso nella capitale prima della morte perfezionò la sua arte sotto IL MERISI,costretto poi a fuggire dall’urbe per un omicidio da rissa e deceduto nella navigazione da Malta all’ARGENTARIO dove pare sia sepolto a Porto Ercole, ma acquisì pure un personalissimo stile meno violento e passionale che, dalla scrupolosa ed attenta osservazione delle sue tele, si può ammirare ed apprezzare a pieno.A testimonianza di quanto affermato,oltre a quelle già citate, possiamo ricordarne altre: “le stigmate e la visione di San FRANCESCO DA Sezze”, San carlo Borromeo e l’elemosina ai poveri”, dall’omonima chiesa delle 4 FONTANE ”IL CRISTO FRA I DOTTORI”, dal RIJKSMUSEUM di Amsterdam. Nelle sale successive vi sono altre 17 0pere dei pittori legati alla sua influenza artistica;CARLO SARACENI amico personale del Borgianni;ai quali qualcuno farebbe risalire l’agguato  a G. Baglione nell’autunno del 1606;altro fidato discepolo e confidente fu Antiveduto Grammatica, produttivo artista del secondo decennio nel quale fu anche testimone del lascito del Borgianni.Alla terza decade del XIII SECOLO appartengono GIOVANNI LOFRANCO, SIMONE VOVET e GIOVANNI SERODINE, che ripresero innovazioni tecniche sperimentate nella sua pittura dal fattivo Borgianni. Per gustare tanta magnificenza artistica della fine del RINASCIMENTO, C’è TEMPO FINO AL 30 GIUGNO.

Giancarlo Lungarini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“La Passione di Cristo”, rivive nel centro storico di Palermo

Vivere “La Passione di Cristo” attraverso, la sacralità della...

Sabato 3 febbraio va in scena “Sesto potere”

Sulmona (AQ), 29 gennaio 2024 – Dopo il grande...

Susanna Donatelli. Per sempre penna del nostro giornale

Ho appena finito di tornare indietro nel tempo, andando...