MISS MONEY, personalità figura dagli schemi

Data:

Fotomodella fetish, sensuale e maliziosa. Miss Money si presenta così ai lettori, ai fotografi e ai tanti uomini che pendono dalle sue foto e dai suoi video. Un concentrato di erotismo pronto ad esplodere…

Ciao, presentati ai lettori!

Sono Miss Money, ho 24 anni e sono di Sanremo. Ho frequentato per sei mesi l’istituto socio psico pedagogico, ma all’epoca non avevo molta voglia di studiare; così, ho mollato per iniziare un corso da parrucchiera, attualmente a distanza di anni lavoro sul web come model fetish.

Come inizia la tua avventura in campo fotografico?

Con la fotografia ho sempre avuto un buon rapporto, ho cominciato a 15 anni a fare degli shooting e mi sono sempre divertita nel farli e collaborare con fotografi. Ho capito che stare davanti all’obiettivo mi veniva naturale, non ho mai pensato ad una carriera da fotomodella ma ho conosciuto vari fotografi e vari stili fino a raggiungere e conoscere il mondo fetish. Sono cresciuta a livello personale in quanto ho capito che quella era la strada giusta per me, quindi ho scoperto di avere un bellissimo rapporto con il mio corpo.

Insomma, una strada da predestinata.

Ho capito che questa era la mia vocazione quando mi licenziai da un negozio di parrucchieri: quel tipo di lavoro non faceva per me, così per mantenermi ho deciso dopo aver fatto una vasta selezione sul web di lavorare su una piattaforma per camgirl. Ed è lì che ho scoperto un numero incredibile di utenti feticisti, così ho continuato rendendomi sempre più conto che poteva divenire un lavoro…

Ed è così che questo mondo ha preso piede…

I miei momenti decisivi sono stati quelli in cui dovendo espormi alla società parlando di quello che facevo: venivo in parte discriminata come qualcuno che faceva qualcosa di brutto di immorale o venivo definita sfaticata per non voler accettare un comune lavoro ordinario. In realtà a me fare spettacoli di quel tipo mi piaceva proprio, poi ho capito che il giudizio della gente non mi avrebbe mai portata alla felicità. Così ho continuato sui miei passi, non dando peso ai giudizi e alle raccomandazione del caso… Da lì in poi non ho mai più avuto paura di essere me stessa…

Anzi, si sono spalancate porte e portoni.

Dopo varie collaborazioni ho conosciuto un fotografo di Genova, sapevo già che cos’era il fetish ma lavorando con lui ho davvero messo in pratica varie dinamiche di quel mondo; mi ha spiegato, insegnato e fatto capire che cosa si potesse fare per crearsi una carriera, ora come ora sono solo agli inizi e mi reputo un’apprendista del settore ma sono certa che in futuro darò il massimo.

Insomma, la fotografia come momento di arricchimento personale.

La fotografia mi ha dato sicurezza e consapevolezza: ero molto introversa mentre ora non lo sono quasi per niente, certo non sempre sono stata appoggiata da chi avevo al mio fianco ma come diceva prima o segui il tuo cuore o fai felici gli altri…

Per ora solo fotografia… e il mondo dello spettacolo?

Non sogno di diventare né un personaggio famoso né un’attrice, a meno che non si tratti di essere conosciuta per quello che faccio… allora potrei farci un pensierino, per ora mi basta essere conosciuta dalla nicchia del mio pubblico amatoriale! D’altronde reputo il mondo dello spettacolo palesemente trash, nel senso che è tanto montato. Preferisco il mondo di internet: molto più diretto e meno preparato.

Che rapporto hai con i social?

Ho sia un profilo personale dove posto mie foto ed interagisco con amici sia un profilo inerente al mondo fetish, dove mostro alcuni miei lavori e foto facendomi un pò di pubblicità. Anzi… seguitemi! Il mio profilo social instagram è miss_money_mdp.

Che immagine di te vuoi veicolare tramite Instagram?

Voglio esprimere un semplice ma essenziale concetto di libertà: non importa quello che fai ma l’importante è farlo bene e con passione. Non voglio influenzare nessuno, ma far capire alle persone che mettersi in mostra non è un male se lo si fa con piacere.

Che ragazza sei nel quotidiano?

Mi definisco una ragazza molto aperta, ma l’educazione per me è la prima cosa. Mi definisco esibizionista ma solo nel modo di essere caratterialmente, per quanto riguarda l’abbigliamento ci tengo sempre ad essere curata. Metto di tutto, dai jeans alla gonna corta, dagli shorts ai top stretti, dipende sempre dai momenti e dagli eventi. Certo, quando creo i miei video o i miei spettacoli ho un abbigliamento molto diverso da quello che uso tutti i giorni: parlo di completini in latex, collant, tacchi vertiginosi, utilizzo anche parrucche. Più che esibizionista mi definirei narcisista nell’animo.

Cosa ti differenzia dalle altre ragazze?

Forse il mio modo di espormi tranquillamente senza problemi, fregandomene di tutto e tutti: abitando anche in una città molto piccola, la maggior parte delle ragazze tende a nascondere il vero essere per la paura di essere etichettate. Niente di più sbagliato, tanto chi disprezza compra…

Dove ti vedremo prossimamente?

In questo periodo mi sto dedicando completamente a creare video e foto, insomma a produrre materiale da rivendere agli utenti interessati. Sto gran parte del tempo al pc a studiare questo mondo e quando dico studiare intendo nel vero senso della parola: c’è tanto da sapere e da imparare, come in tutti i lavori bisogna cercare di dare il massimo, di fare sempre meglio e solo praticando ci si può rendere conto. Per questo mi piacerebbe essere una portavoce del fetish e di far scoprire a gli italiani un mondo davvero fantasioso e semplicemente diverso dal nostro quotidiano.

Luca Fina

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Dal 6 maggio 2022 è in rotazione radiofonica “Fulmine nero” feat. Davide Borri, il...

“Fulmine Nero” è una canzone che parla della voglia di evadere...

Daniele Gambineri. “La Firenze che vorrei”

Per Firenze Vera, si è candidato Daniele Gambineri, nato...

Matilde Matteucci. Mettersi in gioco per divertirsi

A guardare il suo profilo, mai si potrebbe immaginare...

Paratissima 2017

Paratissima nella 13sima edizione sfida la "superstizione" insediata nella...