Bijayini Satpathy: la trasformazione del suo movimento

Data:

Bijayini Satpathy avrebbe dovuto trascorrere gran parte dello scorso anno nel suo primo tour come artista indipendente. Per 25 anni era stata ballerina e insegnante a Nrityagram, una comunità nel sud dell’India dedita allo studio e all’esecuzione di Odissi. Invece del suo tour solista pianificato, Satpathy è entrata in un periodo di intensa creatività e scoperta di sé. Ha lavorato da sola per mesi, esplorando ulteriormente un linguaggio di movimento personale che spinge ai margini di questa squisita danza classica che ha praticato per tutta la vita. “La pausa mi ha tenuto concentrata e con i piedi per terra, con uno scopo”, dice. Il risultato di tutto questo è il suo nuovo assolo seraleAbhipsaa. Successivamente, inizierà il suo incarico di un anno come artista in residenza al Metropolitan Museum of Art di New York City.

Sono state fatte delle domande a questa artista in grado di impersonificare quest’arte. Le sue risposte fanno ben comprendere il suo modo di pensare.

Lavori da solo da mesi. In che modo quella ricerca ha riguardato il tuo nuovo lavoro?

“In sanscrito, Abhipsaa significa “ricerca”. È la mia prima commissione coreografica, e si tratta davvero di capire cosa voglio fare con la mia danza. Fisicamente, come voglio esprimere l’Odissi dopo tanti anni di danza?”

Quali sono alcuni dei temi della serata?

“Odissi prospera su questa comprensione dell’amore eterno tra Radha e Krishna. Volevo esplorare quell’idea di separazione e desiderio. Molto spesso le storie riguardano la donna che si strugge per l’uomo, ma volevo prendermi un po’ di tempo per esplorare la sofferenza di Krishna, che in realtà riguarda il senso universale di separazione dal luogo a cui appartieni. E c’è anche il tema della ricerca spirituale, la ricerca condivisa da tutta l’umanità.”

In un estratto che hai eseguito virtualmente attraverso la piattaforma del Baryshnikov Arts Center a febbraio, sembrava che avessi leggermente alterato il modo in cui ti presenti sul palco. Hai lasciato i capelli grigi e indossi meno decorazioni classiche associate a Odissi.

“C’è una transizione in corso in me. Voglio minimizzare l’arredamento, perché sento che il corpo contiene volumi espressivi. C’è tanto nel vocabolario di Odissi, nel volto, nei gesti. La lingua è così potente. Voglio che l’apparenza sia semplice in modo che queste cose possano essere pienamente espresse.”

Quali nuovi aspetti di Odissi hai scoperto attraverso questo processo di esplorazione in solitaria?

“Sono stato così sorpresa di scoprire che ci sono tanti altri modi di parlare attraverso Odissi. Sto ancora usando le classiche curve a S del corpo, il tribhanga. Ma sto trovando novità nel mio modo di muovermi. Odissi è un modo di respirare, un modo di salire e scendere, un modo di scolpire lo spazio. Permette molta libertà. Sento che potrei esplorarlo per il resto della mia vita.”

Lo spettacolo di Bijayini Satpathy è sicuramente imperdibile. Con il tuo laptop huawei potresti vedere dei video di questa incredibile artista che nel corso della sua carriera ha sorpreso ripetutamente il mondo. Chi ne ha l’occasione dovrebbe recarsi a teatro per ammirare i suoi movimenti.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Makari: la nuova fiction su Rai1 ed il ritratto della Sicilia

Dopo il finale in bellezza del "Commissario Montalbano", che...

Il Barone rampante al Piccolo di Milano

Teatro Grassi, dal 27 settembre all’8 ottobre 2023 Il Barone...