“CORRO COME IL VENTO”: A TU PER TU CON MARCO FRATTINI

Data:

Marco Frattini musicista e affermato runner, ha vissuto l’adolescenza come tutti, tra scuola e hobby, l’amore per l’atletica e per la musica, laureato in odontoiatria e protesi dentale, si è occupato di odontoiatria speciale e ha successivamente anche conseguito un diploma da Chef. La storia di Marco Frattini è particolare, affetto da ipoacusia bilaterale profonda, nel 2006 ha perso completamente la capacità uditiva. Questa condizione fortemente invalidante non ha minato, però, la sua forza e il suo coraggio, anzi, si è sentito spronato ad aumentare la propria attività lanciando, in modo del tutto spontaneo, un messaggio per far capire che “tutto sia possibile” se c’è la volontà. Egli infatti, trova nella corsa una grande amica, iniziando a collezionare diversi successi sportivi (6 titoli Italiani FSSI, 3 titoli mondiali di categoria, oltre a numerosi piazzamenti) e concepisce l’idea di comunicare attraverso la corsa, scrivendo libri legati alla sua personale esperienza (www.iovedodicorsa.com/libri). Nel 2008 ha ideato e messo a punto il progetto “Il teatro oltre il silenzio” per l’abbattimento delle barriere artistiche teatrali in collaborazione con l’associazione Li.Fra di Roma. In seguito lancia un social network dedicato alla corsa, una app, «CiaoRunner», nata per condividere la sua passione per la corsa con gli altri runner e un vero e proprio brand di prodotti tecnici per il mondo dello sport, “#iovedodicorsa”. Quest’anno ritorna, dopo un lungo periodo di inattività artistica, a uno dei suoi primi amori, la musica e lo fa con una serie di brani musicali imprevedibili e accattivanti oltre che coniugandoli con il suo amore per la corsa. Tra questi “Corro come il vento” disponibile in radio, sulle piattaforme digitali e in tutti i digital stores dal 6 maggio 2022, di cui ne parliamo direttamente con Marco.

Ciao Marco, innanzitutto sono onorato di intervistarti. Partiamo dal singolo “Corro come il vento”. Questo è stato prodotto grazie alla sintonia di lavoro tra te, Andrea Baroldi e Alessio Barbieri. Andrea Baroldi, musicista eclettico, poli strumentista, si è occupato degli arrangiamenti, della pre-produzione e Alessio Barbieri, cantante, della voce oltre a te e a Baroldi ai cori. RACCONTI DI QUESTO SINGOLO, TRA L’ALTRO MOLTO BELLO?

In genere le cose che mi vengono meglio arrivano per colpi di fulmine: questa canzone, come diverse altre, è piovuta dal cielo in un momento di catarsi urbana. Ero fuori col cane e il motivetto si è fatto strada nella mia testa.
Con il telefono in mano ho preso nota dell’idea del testo, poi è stato tutto un processo di sviluppo e perfezionamento.

Grazie ad Andrea che mi ha affiancato abbiamo dato sostanza e corpo alle idee. Alessio poi si è prestato in maniera eccelsa alla voce, ma le persone che hanno dato un contributo alla sua finalizzazione sono diverse e ringrazio tutti quanti coloro che hanno supportato questo primo progetto musicale.

Ricordiamo che “Corro come il vento” è il tuo primo singolo uscito in questa tua nuova fase creativa musicale che porterà alla luce altri 5 nuovi brani inediti. Generi eterogenei, passando dalla musicalità della disco music fino all’intensità del rock più duro e deciso. Un mix di sonorità vivaci, dal sapore fresco e frizzante che, ne siamo certi, troveranno la giusta collocazione all’interno dell’ampio e affollatissimo panorama musicale. È già diventato l’inno dei maratoneti già dall’evento WMD night 2021, meeting di atletica organizzato da Giorgio Rondelli dove, per la prima volta, è stato diffuso questo piacevolissimo brano dell’ex musicista, ex fonico e campione di maratona e colonna sonora ufficiale di numerosi eventi podistici in tutta Italia tra cui ricordiamo Venice Marathon, Run Rome The Marathon, Ravenna Music Race tanto per citarne alcuni tra i più prestigiosi.

Oggi, dopo un lungo silenzio obbligato, torni a calcare la scena musicale in veste di compositore e musicista: COME VIVI QUESTO MOMENTO DI GIOIA?

E’ una bella sensazione, pensavo di aver definitivamente appeso la chitarra al chiodo nel 2006 e invece certi amori fanno davvero dei giri strani!

Hai anche scritto e pubblicato anche dei libri. Tra questi trovo molto interessante il romanzo “Il mio comandamento” che leggerò con piacere. TI VA DI RACCONTARMI QUALCOSA DEI TUOI SCRITTI E DOV’È E COME SI POSSONO ACQUISTARE?

“Il Mio Comandamento” è il secondo libro che ho scritto: un romanzetto in apparenza semplice e leggero che cerca in di portare avanti dei concetti di carattere antropologico sul quale sto ragionando da diverso tempo. Ci sono due modi di poter affrontare la lettura di questo libro: prendere la storia e apprezzarla per quella che è, oppure incominciando a porsi delle domande. Come scritto sul retro di copertina, le chiavi di lettura de “Il Mio Comandamento”, si possono trovare nel mio primo libro, un diario autobiografico, Vedere di corsa e sentirci ancora meno. Il grosso problema di fondo, che non si è esaurito al termine della sua scrittura, sono le questioni aperte a cui non basterà una vita per darsi una risposta assoluta. I libri si possono trovare e acquistare sempre nel mio sito, www.iovedodicorsa.com nella sezione libri.

Giusto per far sapere al nostro pubblico, se c’è la possibilità di ascoltarti live, ti chiedo: NELLE PROSSIME SETTIMANE FARAI QUALCHE EVENTO LIVE?

Il 10 luglio a Monza presenterò in occasione delle selezioni provinciali di Sanremo Rock il brano “Corro come il Vento”, dopo di che una nuova occasione sarà a Livigno l’ultima settimana di agosto, ospite ancor una volta di Andrea Gornati, organizzatore dello stage running4you.org.

La situazione live è ancora un campo di battaglia, ma stiamo lavorando, per poter offrire un momento di intrattenimento dinamico e piacevole. Grazie Giuseppe per questa occasione e per questa intervista!

Giuseppe Sanfilippo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

FRANCESCA FERIGO, DA FOTOMODELLA A IMPRENDITRICE

Un passato (sempre pronto a ritornare!) da fotomodella, un...

Maki Ferrari. Musica nel sangue

A 5 anni i suoi genitori la iscrissero a...