PIERO SPONZE IN ARTE PIERO PEPE PRESENTA IL SUO LIBRO

Ilaria Solazzo, giornalista pubblicista e blogger, ha intervistato per noi e per voi, lo scrittore Piero Sponze in arte Piero Pepe.

ILARIA – C’è un libro speciale per ognuno di noi. Per aiutarci a trovare una luce anche quando tutto sembra perso. Il tuo libro di cosa tratta?

PIERO – “LE ALI DI GIUDA” è la cronaca fedele dei ricordi di un ragazzo che ha dovuto morire per tornare a vivere.

ILARIA – Dov’è ambientato il libro?

PIERO – Il libro è ambientato ad Agrigento. Ma non sarà l’unica location presente all’interno del manoscritto.

ILARIA – Quando hai deciso di dire voglio scrivere un libro?

PIERO – Una mattina ebbi l’ispirazione giusta. Amo raccontare storie. Per adesso preferisco dedicarmi a temi più legati all’esperienza di vita.

ILARIA – L’essenza del tempo?

PIERO – Abbiamo tutti la presunzione di tenere saldamente tra le mani le redini della vita, ma ciò che deve accadere, accadrà, con o senza il nostro benestare.

ILARIA – La frattura tra i due fratelli da cosa è causata?

PIERO – Dall’immaturità e dall’egoismo di uno dei due.

ILARIA – Temi trattati nel tuo manoscritto?

PIERO – La mafia siciliana, il bullismo, il femminicidio, l’impatto della famiglia sull’individuo, ecc. Questo è lo sfogo di una vita crudele. “Le Ali di Giuda” è una storia che non si dimentica mai, a causa dei tradimenti e dei misteri, avvolti da un millennio con i giorni contati.

ILARIA – Se ti dico “lupo cattivo” tu cosa mi rispondi?

PIERO – Il “lupo cattivo” che c’è dentro ciascuno di noi è sapientemente allevato anche dai mass media, che propinano un modello culturale che da una parte cerca di metterci l’uno contro l’altro e alimentare rivalità tra le persone, mentre dall’altra predispone i giovani verso l’insoddisfazione, proponendo modelli di vita frivoli e irraggiungibili. Le nuove generazioni – ed in particolare le ragazze sulla quale c’è maggiore pressione – confrontandosi con i modelli TV a 14 anni sono già insicuri e pieni di complessi: se non hanno una 5° di reggiseno non si sentono carine, non c’è da sorprendersi che secondo un famoso sondaggio di qualche anno fa il regalo di Natale più richiesto dalle teenagers fosse l’operazione di mastoplastica additiva… (recentemente vietata ai minori, per fortuna).

ILARIA – Che emozioni hai provato all’atto della sua pubblicazione italiana?

PIERO – Gioia e profonda gratitudine. Questo mio libro è stato ed è un ottimo strumento di condivisione. Mi ha fatto crescere come persona e mi ha fatto parlare (anche virtualmente) con tante persone.

ILARIA – A chi lo dedichi?

PIERO – A tutti coloro che meritano il meglio dalla vita.

ILARIA – Cosa serve per iniziare a scrivere un libro?

PIERO – Molto poco. Tralasciando banalità fondamentali quali tempo, penna, carta, un minimo di istruzione etc, per scrivere un libro occorrono fondamentalmente DUE cose: 1) Una storia, 2) Aver voglia di raccontarla per iscritto. Sorprendentemente è la seconda che di solito manca, ma se uno se ne frega degli ostacoli, allora può incominciare e tenere duro finché non l’ha raccontata tutta. La storia della letteratura è piena di gente che non aveva mai scritto una virgola e che un giorno decide di scrivere una storia. A me personalmente piace l’esempio dell’ergastolano Henry Charriere, che per sfuggire ai debiti decise di mettere giù le sue memorie. Ci mise qualche mese a scriverle con la sua grafia elementare ma “Papillon” fu un successo mondiale strepitoso che vendette come il pane e da cui ricavarono pure un film.

ILARIA – Cosa occorre per scrivere un libro?

PIERO – Le idee ( in un cespo di idee brutte se ne trovano sempre almeno una o due di buone, ma bisogna imparare a sfogliare bene…), un pizzico di talento, una buona grammatica ( i ferri del mestiere… ) e tempo, tanto tempo da dedicare esclusivamente alla tua storia… se non hai tempo da dedicarle con costanza, lascia perdere e non farti illusioni, è molto probabile che la tua storia non vedrà mai la luce.

ILARIA – Un tuo sogno nel cassetto?

PIERO – La strada dei sogni è diversa da quella delle necessità economiche, e così crescendo ho abbandonato i desideri infantili per andare a fare lavori “rispettabili”. Ma io ora voglio riappropriarmi del mio sogno, e questo è quello che proverò a fare. Vorrei poter vivere di quello che amo fare, sapendo che quello che faccio può anche essere utile a qualcuno. È un desiderio tanto sbagliato?

ILARIA – Progetti futuri?

PIERO – Sto iniziando a raccogliere pensieri e documentazione per il secondo libro. È la parte in assoluto più lunga e faticosa… Sto realizzando un nuovo avvincente libro. Il manoscritto si presta a ricevere attenzione da parte di lettori interessati a nuove forme di espressione letteraria e disponibili a decifrare un profondo lavoro di scavo emotivo compiuto dall’autore.

Scheda del libro. https://www.ctleditorelivorno.it/product-page/le-ali-di-giuda

Sito della casa editrice. https://www.ctleditorelivorno.it/home

Dettagli sul libro. Titolo: “Le ali di Giuda”. Autore: Piero Pepe. Editore: CTL (Livorno). Anno edizione: 2022. Pagine: 220. Tipo: brossura. EAN: 9788833874944.

Descrizione, in breve, del libro. Agrigento, 1968. Giuda e Michele sono due fratelli gemelli fisicamente simili, ma caratterialmente diversi. Giuda, dall’animo nobile, è conosciuto da tutti come il leader, quello buono, mentre Michele, detto la serpe, è temuto e schivato da tutti. Dopo essere rimasti orfani di ambedue i genitori all’età di dodici anni, i ragazzi vengono adottati da una famiglia, che ben presto li rende nuovamente orfani in quanto il padre adottivo, prima di togliersi la vita, in preda all’alcol uccide la moglie. Rimasti soli all’età di diciotto anni, i due fratelli, che nel frattempo hanno preso strade diverse, creano due bande rivali e si associano alla mafia locale, fino a varcare i confini della Sicilia e operare con e per la malavita d’oltreoceano. Il romanzo, narrato inizialmente in prima persona e poi in terza, racconta una vicenda realmente accaduta e fa luce sui meccanismi mafiosi che portano i ragazzi di strada, ma non solo, a far parte della malavita organizzata. Semplice – come la voce narrante ha volutamente deciso di essere -, sincero, crudele e volutamente omertoso, “Le ali di Giuda” è la cronaca fedele dei ricordi di un ragazzo che ha dovuto morire, per tornare a vivere.

Ilaria Solazzo

Dove poter acquistare il libro online. https://www.mondadoristore.it/Le-ali-di-Giuda-Piero-Pepe/eai978883387494/

https://www.hoepli.it/libro/l-urlo-del-panda-ediz-integrale/9788833874944.html

https://www.ibs.it/ali-di-giuda-libro-piero-pepe/e/9788833874944?inventoryId=413648502&queryId=74550e2c76b6ed249f91939bc5db5891

https://www.libraccio.it/autore/piero-pepe/libri.html

https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_pepe+piero-piero_pepe.htm

Facebook dell’autore https://www.facebook.com/piero.sponze https://www.facebook.com/profile.php?id=100081537098833

<h2>Leave a Comment</h2>