Sabrina, il fascino dell’eleganza

Data:

Tutto è iniziato ormai quasi un anno fa. Un po’ per caso, un po’ per gioco. Qualche selfie pubblicato sui social per sperimentare gli effetti di un corso in Social Media Marketing, qualche post realizzato per visionare engagement e viralità. Così, Sabrina (@sabrinarosato81) ha iniziato ad essere notata dal primo fotografo, Luca Radici, e ad entrare ufficialmente nel mondo della fotografia professionale. Oggi, a distanza di qualche tempo, scattare è diventato per lei un piacere, un modo d’essere, una passione che si associa alla sua routine quotidiana costituita da una famiglia da gestire e un lavoro da portare avanti. Occhi azzurri, capelli chiarissimi, un corpo che conquista al primo sguardo, Sabrina si è ritrovata in questo mondo quasi senza accorgersene. Eppure, ora, questa sfida le piace tantissimo e appena può incastra un nuovo set in cui raccontarsi con raffinata eleganza. Lei, una donna over 40 con la carica e la determinazione di una ventenne, ha tutta l’intenzione di togliersi qualche bella soddisfazione…

Eppure, è nato proprio tutto per caso!

Proprio così! Ho studiato social media marketing, non sapevo su chi applicare quel percorso di studi e ho deciso di farlo… su me stessa! Ho iniziato a pubblicare qualche fotografia semplicissima finché un fotografo professionista mi ha contattata e mi ha convinta a realizzare il mio primo set.

Diciamo però che con la fotografia hai sempre avuto un certo feeling…

Sin da giovanissima, insieme a mia sorella costruivo set e pose, conservo ancora alcune di quelle immagini in bianco e nero! Col passare degli anni però non ho mai sviluppato quella passione, finché il 2022 è stato l’anno giusto per mettersi in gioco. Ho scelto di vivere il mondo della fotografia, di sperimentare per interpretare ruoli sempre differenti.

Cos’è per te la fotografia?

È un modo per trasmettere le mie emozioni attraverso l’obbiettivo di un professionista, io voglio arrivare agli occhi e al cuore di chi guarda senza poter in alcun modo parlare. Solo con la mia immagine. E penso di farcela… i pareri che ricevo sono positivi!

Cosa vuoi trasmettere agli altri?

Femminilità e sensualità, raccontate con classe e mai con banalità. Ogni donna ha questi aspetti, è il modo di essere di ciascuna di noi. Io adoro raccontarmi con charme, con un pizzico di mood da gatta, soprattutto avendo forte fiducia in sé stesse.

Certo, la tua scelta non è passata inosservata.

Non sono mancati i giudizi… e i pregiudizi! All’inizio ho preso male quanto accadeva, poi ho imparato a disinteressarmi del giudizio altrui quando non poggia su basi concrete. Io resto una mamma, una compagna, una lavoratrice. Una donna semplice a cui però piace prendersi cura di se stessa.

Lo facevi persino nel periodo del lockdown!

Proprio così! Mi svegliavo e mi occupavo di truccarmi e di scegliere l’outfit giusto, tacco incluso, anche se bisognava restare in casa! Tenermi in forma mi affascina da sempre, è un biglietto da visita straordinario per una donna. Sia chiaro: lo faccio per me stessa, non per essere guardata ad ogni costo. Quello no, non mi interessa!

Eppure sui social la tua immagine non passa inosservata.

Ho un ottimo rapporto con i social dove mostro il mio fascino e il mio sex appeal, ovvero quel concentrato di eleganza, sinuosità e serietà che mi caratterizza da sempre. Alla faccia di chi potrebbe pensare altro avvicinandosi a me in modo del tutto superficiale, sono una persona che non lascia nulla al caso e pone molta riflessione in tutto ciò che fa.

Che donna sei?

Una donna fedele, alle volte involontariamente esibizionista, che provoca… senza sapere di provocare! Ma sono anche testarda e diffidente all’ennesimo livello. E sono una donna che non si ferma mai: ho sempre in testa nuovi progetti da realizzare!

Naturalmente, alcuni di questi, hanno a che fare con la fotografia.

Non potrebbe essere altrimenti! Diciamo che sono entrata in questo mondo con difficoltà e con idee, oggi vorrei fare sintesi per aiutare le persone a muoversi con più sicurezza in questo ambito.

Cosa ti spinge a buttarti nel mondo della fotografia?

La passione verso questo mondo e il desiderio di creare qualcosa di veramente mio in termini progettuali, oltre a voler mettere in gioco un’immagine di me, Sabrina, che nel quotidiano non sempre si vede. Chi non si butta nelle sue passioni perde sempre delle occasioni, ecco perché io mi butto! Ciò mi ha fatto perdere delle amicizie, è vero: ma proprio a seguito di questo, ho capito quanto importante sia non dar peso al giudizio degli altri.

Insomma, vuoi essere indipendente e autonoma nelle tue scelte artistiche.

Ho il mio stile: elegante, curato, non volgare e non esagerato. Chi non lo capisce, ed esprime ugualmente un giudizio, non merita di essere ascoltato. D’altronde, posso assicurarlo: non mi serve essere eccessiva per attirare l’attenzione…

Per te, oggi, cosa rappresenta la fotografia?

È un momento artistico e creativo, proprio come la recitazione: vesto i panni di un personaggio, spazzo via ogni forma di vergogna e mi metto in gioco per poi ritornare ad essere la Sabrina di sempre. È questo che voglio trasmettere anche attraverso il mio account social: che dite, vi arriva questo messaggio?

Dove ti immagini fra 10 anni?

Mi piacerebbe aver costruito qualcosa di importante nel mondo della fotografia e far sì che tutta questa avventura che sto vivendo non sia soltanto una bolla di sapone. Penso ad un progetto da sviluppare, e ci sto già lavorando…

Luca Fina

 

CONTATTI SOCIAL
@sabrinarosato81
CREDITS FOTOGRAFICI
Luca Radici
Davide Ghelfi
Matteo Iannaccone
Roberto Antico
Enrico Antonacci
Vito Ravo
Giacomo Faccini
Francesco Settecasi
Leandro Bellotto

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Carmen Morello. Umiltà e Amore come ingredienti per il successo

Carmen Morello è una grande professionista e una donna...

Nadia Finotti, come diventare modella a 40 anni!

C’è un filo conduttore nella vita di Nadia Finotti...

MIRIAM «BELLA VITA», UNA PROVOCATRICE NATA

Provocare fa parte del suo dna. Attirare l’attenzione le...