Successo per il trombettista / flicornista Dario Savino Doronzo all’International Trumpet Guild Conference di San Antonio in Texas

Data:

 

Dal 31 maggio al 4 giugno ha avuto vita la 46a Conferenza annuale del “International Trumpet Guild” tenutasi presso lo Hyatt Regency di San Antonio in Texas. L’evento, tra più attesi ed importanti per il mondo dei trombettisti e non solo, ha visto masterclass, concerti, concorsi, workshop, clinic… di trombettisti classici e jazz di spicco del panorama internazionale: Philip Dizack, Rachel Therrien, Ibraim Maalouf, Ole Edvard Antonsen, Eric Siereveld, Dominique Bodart, Stephen Burns, Friedemann Immer, Paul Merkelo sono solo alcuni.

L’evento è stato organizzato con il supporto di Adams Musical Instruments, Asper Trumpet Products, Austin Custom Brass, BAC Musical Instrument, B&S and Scherzer Trumpets, Edwards Instrument Company, Getzen Company, XO Professional Brass, LOTUS Trumpets, Maller Baroque Brass Instruments, qPress Music Publishing, Schilke Music Products, Stomvi USA, Thompson Music Co, TrumCor Mutes, Vincent Bach Trumpets, Warburton Music Products, Chuck Levin’s Washington Music Center, Yamaha Corporation of America, etc.

Sotto questa cornice, l’eccellente flicornista dal timbro scuro e vellutato Dario Savino Doronzo (artista Hub van Laar) è stato invitato – tra i featured artists – a tenere con il suo Duo Re-Imagine (Pietro Gallo al pianoforte) nella Concert Hall dello Hyatt San Antonio Riverwalk, un Recital per Flicorno e Pianoforte su arie d’Opera di ‘matrice’ tutta italiana. Il programma del concerto ha visto un interessante viaggio sotto il fil rouge del lirismo italiano. Un percorso che ha congiunto (tra il classico e il più liquido jazz europeo) composizioni dell’album “Reimagining Opera” con prime esecuzioni del nuovo progetto discografico “Reimagining Aria”. Preziosi arrangiamenti in stampo jazzistico dei più significativi e suggestivi temi italiani dal XVII al XX secolo di autori quali Giuseppe Verdi, Claudio Monteverdi, Giovanni Paisiello e Giacomo Puccini hanno anticipato l’apertura di magnifiche composizioni del Maestro Daniele Sardone che prevedono metamorfosi di cellule compositive appartenenti ad Arie Antiche del 1600 e 1700 italiano tratte da autori luminari come Antonio Cesti, Alessandro Scarlatti, Benedetto Marcello, etc.

Entusiasmante è stato il riscontro del pubblico internazionale dell’ITG. Nella recensione ITG Journal (vol. 47 n. 1) il prof. Eli Denecke afferma: «Doronzo breathed new life into the familiar melodies, drawing from his background in jazz to create personal and authentic interpretations. He also demonstrated his superb command of timbre, angling his horn in different directions and stepping forward to center stage to color his sound in surprising ways».

Un progetto di autentica bellezza, frutto di ricerca artistica e sonora, un omaggio alla tradizione musicale italiana interpretata con una visione moderna e futuristica senza alcun limite di tempo e spazio.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Chiara Pavoni. Arte, eleganza e femminilità (in abbondanza)

C’è arte, eleganza e femminilità (in abbondanza) nel personaggio...

A BENEVENTO CHOPIN TRA MUSICA E DANZA

In occasione dell’ottava Stagione dell’Orchestra Filarmonica di Benevento Ofb...

“AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA”, UN CAPOLAVORO SENZA TEMPO

Al Teatro Degli Arcimboldi, dal 17 al 26 Gennaio...