L’immortale Avaro al Teatro Modena

Data:

Il Teatro Nazionale di Genova , diretto da Davide Livermore, ha presentato in prima assoluta al Teatro Modena di Genova Sampierdarena, precisamente il 16 novembre sera, l’immortale capolavoro di Moliere “L’avaro”, con la regia di Luigi Saravo e con protagonista Ugo Dighero.
Una messinscena, che gioca con riferimenti temporali diversi, dagli abiti, fino agli attualissimi e famigerati smartphone. Molto belle le luci di Aldo Mantovani, cangianti tra l’oro, il rosso e il verde. La produzione, in collaborazione col Teatro Stabile di Bolzano e il Centro Teatrale bresciano, vede nel cast , oltre al bravissimo Dighero, vero mattatore, quasi in un “one man show”, la frizzante Frosina, interpretata da una schioppettante Mariangela Torres, un bellissimo e simpatico Cleante interpretato dal giovane Stefano Dilauro, una carinissima Elisa, interpretata da Elisabetta Mazzullo, un “fisicatissimo” e atletico Valerio, interpretato dal bellissimo e altrettanto bravo Fabio Barone. Molto simpatica la caratterizzazione di Mastro Giacomo, da parte di Paolo Li Volsi e del faccendiere Mastro Simon da parte di Cristian Giammarini, altrettanto simpatico e agile nel ruolo. Rebecca Radaelli, invece, ci regala una magnifica interpretazione dell’amante di Cleante, amata da Arpagone, una Marianna che si fa amare…
Un testo così sublime, perfetto nei tempi teatrali, non è di semplice realizzazione, si rischia sempre di cadere nel duplice rischio del dejavu o, contro, si rischia, l’opposto, cioè l’eccessiva modernizzazione di un testo che, come tutti i grandi capolavori è fuori dal tempo, perché è immortale.
Onore quindi a Luigi Saraivo, che si è inerpicato in un’operazione non certo facile… Personalmente, per mia “forma mentis”, o per gusto personale, non amo molto le “rivisitazioni” dei classici, ma devo dire che effettivamente, anche grazie alla “mostruosa” bravura di Dighero l’operazione in questo caso ha dato un buon risultato! L’accoglienza trionfale da parte del numerosissimo pubblico presente, moltissimi i giovani, conferma questa mia considerazione.
Repliche presso il bellissimo Teatro Gustavo Modena di Genova Sampierdarena, fino al 26 novembre. Da non perdere!

Stefano Ceniti

Foto Federico Pitto

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Perché sono di sinistra? Te lo spiego in due parole.

"Mi viene in mente un episodio significativo: anni fa,...

“CHANGING”: al MIA Photo Fair Marilù S. Manzini espone “Greta”

L’artista con l’esposizione dell’immagine di Greta Thunberg evidenzia l’autodistruzione...