Notice: A non well formed numeric value encountered in /web/htdocs/www.corrieredellospettacolo.net/home/wp-content/plugins/td-social-counter/shortcode/td_block_social_counter.php on line 1176

Esposizione a Milano della performance “Paint the bride” di Marilù S. Manzini

Data:

L’abito dipinto e scritto l’otto marzo da molte persone insieme a Marilù S. Manzini rimarrà in vetrina da Seghezzi Fashion Store per supportare e incoraggiare le donne.

In occasione della festa della donna, l’artista Marilù S. Manzini ha presentato la sua nuova performance, “Paint the bride”, a Milano da Seghezzi Fashion Store dove hanno partecipato numerose persone e non solo di sesso femminile, proprio per non dimenticare i femminicidi o gli abusi e i maltrattamenti che ogni giorno numerose donne subiscono.

La serata è stata introdotta dal critico Vittorio Raschetti che ha ricordato l’episodio di Pippa Bacca, nipote di Piero Manzoni, che nonostante portavoce di pace e fratellanza, durante una sua performance vestita da sposa, fu tragicamente violentata e uccisa a soli 33 anni.

I presenti hanno potuto scrivere o disegnare con i colori rosso (sangue) e nero (lutto) su un abito da sposa indossato dall’attrice Carla Valente di colore bianco, simbolo di purezza, libertà e pace, ciò che il cuore gli dettava in quel momento, come frasi del tipo: “Ascoltami”, “Parlami”, “Amami”, “La violenza è anche verbale”, “Libertà”, “Vita”, “No fiori ma uomini per bene”, ecc.

Una performance interattiva per sensibilizzare tutti riguardo le inaccettabili violenze verso le donne.

Il luogo scelto per la performance è uno store, che incarna con abiti e accessori particolari tutto ciò che appartiene all’universo femminile… tuttavia non basta un solo giorno per ricordarsi di rispettare la donna, per questo motivo l’abito scritto e dipinto proprio l’otto marzo da quasi tutti i presenti oltre che dall’artista Marilù rimarrà esposto in vetrina affinché nulla possa essere dimenticato.

La Manzini vuole continuare a sensibilizzare l’opinione pubblica come ha fatto con le performance “Money” (2022) e “Dancing on Canvas” (2023).

L’artista che ha iniziato il suo percorso artistico con il successo letterario “Io non chiedo permesso”, continua la sua attività come pittrice, fotografa e la sua opera prima “Diary of Love”, in cui è anche sceneggiatrice, è attualmente distribuita in Canada, Stati Uniti e Corea del Sud. Per scoprire le peculiarità di questa artista basta collegarsi al suo sito: www.marilumanzini.com o www.instagram.com/marilumanzini.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati