“Beethoven non è un cane.” Una divertente serata con Paolo Migone

Data:

In scena il 12 dicembre 2021 al Teatro Sociale di Castiglione delle Stiviere (Mn)

“Beethoven non è un cane” di Paolo Migone con regia di Daniele Sala è uno show da non lasciarsi fuggire come dice il comico di Zelig facendo con la mano l’atto di bloccare l’aria. Il tutto si svolge dietro un vecchio ed invecchiato sipario: ma cosa ci sarà mai di tanto importante in quella scena da poter trattenere la gente incollata alle poltroncine? Mistero subito svelato. Un deejay vestito con abiti settecenteschi con l’occhio spiritato e le cuffiette alle orecchie, sta armeggiando curiosamente e maldestramente con vecchi vinili. Intorno a lui manufatti d’epoca fanno da contorno al suo lavoro. Migone indaffarato si tira sulle maniche e con una vecchia pala scava tentando di riesumare la musica classica da anni morta e sepolta. Il comico livornese fa tutto questo perché è rimasto sconvolto da un gruppo di giovanissimi che non riconoscono Mozart nella musica pubblicitaria e da altri che con orrore sono convinti che Beethoven non è un compositore ma un bonario cane san Bernardo. Migone con la sua aria stralunata a suo modo cerca di porre rimedio a questa sottocultura. Il comico esaurita la simpatica introduzione entra nelle sorgenti musicali che hanno preso vita dal 1400 al 1700 e si catapulta dentro le vite di alcuni grandi artisti: Johann Sebastian Bach, Antonio Vivaldi, Ludwig van Beethoven, Wolfgang Amadeus Mozart. E dopo avere raccontato a suo modo le loro vite e le loro peripezie: tutte naturalmente condite nella salsa dell’ironia, comprese le loro passioni, i loro drammi e le loro virtù. Stranamente tutti loro erano succubi delle mogli e vessati dalle suocere: come del resto il famoso comico propone da tempo nel suo repertorio. “Beethoven non è un cane” è uno spettacolo sull’arte musicale: un percorso ardito per avvicinare lo spettatore a questo mondo riservato solo a pochi. Lo show man vorrebbe che dopo il suo spettacolo, ogni ragazzo andasse su Google e digitasse il nome di un grande e mitico compositore per conoscere tutte le sue opere e la sua vita. Perché sono uomini che hanno dato tanto ma spesso sono dimenticati. Paolo Migone che è anche l’autore del testo offre uno spettacolo di ottima fattura che affascina e stimola il pubblico con la sua frizzante ironia.

Giuliano Angeletti

 

“Beethoven non è un cane”
Produzione:
Charlotte
Regia:
Daniele Sala
Autore:
Paolo Migone
Protagonista:
Paolo Migone
Durata:
Cento minuti
Numero atti:
1
Anno di produzione:
2018

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Biennale Arteinsieme al Palazzo Zevallos Stigliano

La settima edizione della ‘Biennale Arteinsieme - cultura e...

“Onward”: elogio della magia targato Pixar

Che bello inaugurare la riapertura delle sale cinematografiche con...