Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Andrea “Stacy” Quadroni, una mamma come fotomodella

Data:

È lei stessa a definirsi “mamma single, modella freelance e imprenditrice” e a far capire che il tempo nella sua vita è prezioso come non mai. Andrea “Stacy” Quadroni ha 28 anni, vive sul Lago di Como ed ha iniziato a farsi immortalare quando di anni ne aveva appena 13. Da allora, fra pause più o meno forzate, la fotografia è diventata parte di lei. Sarà perchè Andrea Quadroni è una di quelle donne a cui piace mettersi alla prova in ogni occasione, come dimostrano le sue passioni: “Amo viaggiare, adoro il buon cibo e il vino buono, e sono sempre in cerca di belle persone e di risate di gruppo”.

Come dire, non ti fai mancare nulla…

Ascolto musica in ogni momento della giornata, nel poco tempo libero vado a correre oppure leggo. Ma il momento della giornata che preferisco è quello dell’aperitivo con gli amici, rara parentesi in cui stacco la spina e mi rilasso davvero. E poi…

Ecco, c’è un altro lato di te.

Canto dall’età di 14 anni e questa mia dote mi ha portata a partecipare a piccole gare di canto locali ottenendo sempre ottimi risultati, arrivando a fare serate di pianobar, animazione, feste e matrimoni.

E poi c’è la fotografia…

Ho iniziato a farmi fotografare già da giovane, all’età di 13 anni: ero in un parco acquatico della Riviera romagnola e sono stata avvicinata e convinta a posare da un fotografo che ha “rubato” qualche scatto. Fotografie che finirono poi tra le mani di una famosa agenzia milanese con cui… non combinai nulla! Però a conti fatti, da lì è stata chiara a tutti la mia fotogenia!

Alberto_T._Corriere_dello_SpettacoloCosa ha rappresentato per te la fotografia?

Inizialmente mi è sembrata un buon modo per “arrotondare”, con il tempo ho imparato ad utilizzarla come strumento per vedere lati fisici ed emozionali di me stessa che non vedevo o che comunque non amavo.

Una sorta di ricerca personale.

Avendo un passato da “maggioratissimissima” la fotografia, ad oggi, è per me uno strumento di rivalsa che vorrebbe essere d’incoraggiamento a tutte le ragazze, o ragazzi, che stanno affrontando lo stesso momento vedendolo come un problema. Ecco perché mi propongo come modella “normal size”: una ragazza dalla fisicità normale, con tutti i difetti e le curve che ogni donna comune, dalle giuste proporzioni, ha.

La fotografia ti ha dato molto in questo senso, ti ha tolto qualcosa?

Penso che in fondo non mi abbia tolto nulla, se non arricchita e stupita dei risultati ottenuti in alcuni scatti, e in campo fotografico in generale. Come generi ho provato quasi tutto: dal semplice ritratto, stock Photography, fashion, fantasy, glamour e via dicendo… Non ho un genere preferito, prediligo scatti che lascino il segno.

Una carriera, la tua, lunghissima…

E con piacere voglio menzionare l’ultimo set di pochi giorni fa a Monopoli (Bari), in occasione di un Model Sharing in spiaggia organizzato da Francesco Ricci, affermato fotografo di Bitonto: bellissima persona, molto professionale ed umana.

Oltre alla fotografia, tanti altri piccoli lavoretti.

Ho iniziato a 18 come promoter, per poi proseguire il mio cammino facendo la hostess per un’importante multinazionale del tabacco, nonché durante convegni e fiere. Ho lavorato come hair Model in piccoli show e seminari…

Finché nel febbraio 2016…

Ho avuto la bellissima opportunità di essere scelta, fra centinaia di ragazze, durante i casting tra Bologna e Milano, dal grande Egidio Borri in persona in occasione del Wella Collection Show “Icons of Color” a Bologna, e quindi di calcare una delle più prestigiose passerelle nel mondo “hair style”, il cui numero di presenze è stato contato sui 5.000 spettatori (così si mormorava! 😀 ); uno straordinario momento in cui ho avuto modo di conoscere modelle e professionisti unici, con cui resto in contatto tuttora.

Corriere_dello_SpettacoloEd è di settimana scorsa un altro passo importante nella tua carriera.

Infatti! Ho avuto la grande occasione di lavorare per Armani (Milano) come beauty Model, e quindi di essere truccata da professionisti firmati Armani provenienti da ogni parte del mondo! Se siete curiosi di vedere qualcosa che mi riguardi da vicino rimangono visibili video e alcune immagini dal mio port sulla mia pagina pubblica di Facebook ( https://www.facebook.com/Andrea-Quadroni-540028856164600/).

 Che persona sei nel quotidiano?

Sono sempre impegnata e di corsa! Sono molto sbrigativa: doccia, trucco, parrucco e outfit in 15 minuti, incredibile ma vero! Non amo il make up, giusto un filo di mascara! Non mi vesto in modo eccentrico, anzi, prediligo l’abbigliamento sportivo e tutto ciò che è comodo e pratico, stando comunque attenta a non perdere la mia femminilità. Amo comunque accostare un abbigliamento semplice a particolari che rendono tutto un po’ più “ricercato”, soprattutto quando esco la sera!

 Dicevamo fin dall’inizio: Andrea Quadroni è innanzitutto… mamma.

E tra i miei obbiettivi di vita c’è sicuramente quello di crescere al meglio mio figlio, dargli sempre la serenità e l’educazione che merita ogni creatura al mondo. Questa è la cosa più importante. Tutto il resto che riguardi me, aldilà di mio figlio, sarebbe qualcosa in più che accetterei a braccia spalancatissime e che, inevitabilmente, arricchirebbe anche lui!

 Pensi di essere una bella donna?

Se mi definisco bella? Beh… lascerei agli altri l’ardua sentenza! Suvvia, ogni donna che si rispetti ha dei lati di sè che non apprezza: è una cosa assolutamente umana, sta a noi decidere se prenderla come una sconfitta o farlo diventare un punto forte!

 Alberto T.

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Rosanna Salati – When I Heard

Rosanna Salati, promettente interprete e songwriter di Gioi Cilento,...

LA COMICA GELOSA (Isabella Andreini). Di Enrico Bernard

Brani “Video” e “Scrittorio” dalle Rime e dalle Lettere...

Alessandro Maiorano, un uomo di cui dovere avere paura?

Chi è veramente Alessandro Maiorano, l’ex l’impiegato del Comune...