Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

La perfezione vive nelle “Donne gelose”di Sangati

Data:

Padova, Teatro Verdi, dal 1 al 5 febbraio 2017

Le donne gelose è la prima commedia scritta interamente in lingua veneziana da Carlo Goldoni. L’occhio dell’autore cade su un vicinato, durante i lazzi del Carnevale, animato da bottegai e mercanti ridotti in miseria dalla ludopatia. La vedova Lugrezia, ancora piacente, pratica in casa con Boldo, Todero e Baseggio l’usura e il nolo d’abiti. Essa anticipa, possedendone alcuni tratti distintivi, l’indipendente Mirandolina, denunciandosi quale femmina libera, padrona del corpo e del patrimonio. Sguardi in tralice, ingiurie, disprezzo per chi non tanto segretamente l’ama ne fanno una borderline. Tonina, Giulia e Chiaretta, manipolo di  siore annebbiate dai più sozzi pensieri sui comportamenti sospetti di mariti e amanti, la reputano una meretrice. Le conversazioni delle gelose stentano se non trovano nella nemica comune il bersaglio delle proprie ire. Si ride, ma permane l’amaro d’una realtà labirintica da cui nessuno esce, se anche innanzi allo sposalizio altrui, vinti dal risentimento, si spera nel “pan pentio”.

Luca Ronconi aveva iniziato a lavorare su questo testo poco conosciuto scegliendo personalmente il cast e Giorgio Sangati quale aiuto regista. Poi la morte a una quarantina di giorni dal debutto. Sangati allora riprende in mano la piéce e confeziona un capolavoro. La Venezia ricreata dallo scenografo Marco Rossi e magistralmente illuminata dalla luci di Claudio De Pace è silenziosa, scura come la pece, fatta di palazzi neri senza infissi. Così lugubre che pure la veste d’Arlecchino perde i consueti colori sgargianti, le linee spigolose delle baute si curvano in teschi inquietanti e pure l’acqua del canale creatosi sul palco dopo la pioggia iniziale pare petrolio. I costumi classici di Gianluca Sbicca si adattano al contesto descritto con mantelli lordati dal costante strisciare sui masegni, braghe e calze che emanano unto, camicie sudate. Il confluire delle maschere al Ridotto per spiare le disgrazie altrui è trasformato da Sangati, con una perfezione da fuoriclasse, in un monumento al mondo odierno dove ancora regnano, e lo cito, l’“individualismo suicida” di tanta gente misera e “il culto del denaro”. Il problema dell’idioma, a onor del vero ostico in parte anche allo spettatore locale, viene risolto con soprattitoli in italiano.

La compagnia regala allo spettatore interpretazioni memorabili, ricordandogli quale alto livello di teatro si raggiunga quando interpreti dotati e regista competente impieghino al massimo le proprie potenzialità. Le voci non sono mediate dall’artificio del microfono, permettendo così di apprezzare le luci e le ombre di quel veneziano antico che ormai nessuno usa più. La partitura gestuale è rigorosa, in perfetta sincronia col recitato. Mai una sbavatura, un intoppo, un calo di tensione che facciano uscire gli attori dalla parte. Su tutti, Sandra Toffolatti trionfa quale Lugrezia sanguigna, maestosa nella sua nera figura vagamente somigliante ad Anna Maria Guarnieri nel medesimo ruolo (1985, De Bosio). Valentina Picello è una Giulia irruenta, nervosa nei movimenti e nelle parole, ma disarmata nei duetti col marito. Le fa da contraltare la più contenuta Tonina di Marta Richeldi, sempre al limite tra l’incredulo e l’indignato. Orsetta e Chiaretta, rispettivamente Sara Lazzaro e Elisa Fedrizzi, spiccano per vivacità e freschezza interpretativa, al pari del Baseggio di Ruggero Franceschini, sapiente nel non caricare troppo il ruolo di giovane innamorato con facili gigionerie. Sergio Leone, voce chiara e squillante, è un Boldo perentorio, ma rassegnato alla testardaggine della moglie. Più convenzionale, ma non per questo meno intenso, il Todero di Leonardo De Colle. L’Arlecchin di Fausto Cabra è una chicca da non perdere. Completano il cast Federica Fabiani come Siora Fabia e David Meden, Daniele Molino, Nicolò Parodi come maschere/servitori.

Pubblico numeroso all’ultima recita pomeridiana e caloroso successo per tutti.

Luca Benvenuti

 

Le donne gelose
di Carlo Goldoni
Foto Attilio Marasco
Personaggi e interpreti:
Lugrezia: Sandra Toffolatti
Giulia: Valentina Picello
Boldo: Sergio Leone
Tonina: Marta Richeldi
Todero: Leonardo De Colle
Orsetta: Sara Lazzaro
Chiaretta: Elisa Fedrizzi
Baseggio: Ruggero Franceschini
Arlecchin: Fausto Cabra
Siora Fabia: Federica Fabiani
Maschere/servitori del ridotto: David Meden, Daniele Molino, Nicolò Parodi
Regia: Giorgio Sangati
Scene: Marco Rossi
Costumi: Gianluca Sbicca
Luci: Claudio De Pace
Trucco e acconciature: Aldo Signoretti
Assistente alla regia: Valeria De Santis
Assistente scenografa: Giulia Breno
Assistente costumista: Sara Gomarasca
Produzione Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

E’ ancora magia con l’Anfiteatro Festival di Albano Laziale

La magia dell’Anfiteatro Festival ci sarà anche stavolta, per...

Vincenzo Bocciarelli, tra prossimi appuntamenti e candeline

Presto Vincenzo Bocciarelli tornerà protagonista in TV con una...

“Pomboo 2″… la saga continua

A Pordenone, il 18 e il 19 maggio 2019 "Pomboo...