C’era il Lanerossi Vicenza. E stava sempre in mezzo

Data:

Anche nell’album Panini, stretto tra la Juve e la Lazio; con quelle inconfondibili maglie a strisce verticali biancorosse e la R sul petto, primo esempio di sponsorizzazione (nemmeno troppo occulta). E te lo trovavi in mezzo proprio come quel famoso palo nelle riprese televisive… Quello a supporto delle tribune del Romeo Menti, e che a volerlo interpretare sembrava proprio l’ultimo baluardo di un calcio ormai al tramonto, rassegnato all’incedere prepotente della tecnologia. Dell’HD, del Full HD e del 3D.

Il Lanerossi Vicenza era lì: con le sue maglie a strisce e la spavalderia ribalda delle “provinciali” che (molto più di adesso) davano il sale ad un campionato senza stranieri; vissuto più alla radio che alla televisione, più immaginato che visto.
Anni dove certe squadre avevano un pezzetto di gloria e anche qualcosa in più: il Cagliari e la Lazio, che vinsero persino lo scudetto. Ma anche il Cesena dei miracoli, e la Ternana del gioco corto. L’Ascoli, l’Avellino (con la “legge del Partenio”) e il Catanzaro di Palanca, che tirava magnifiche punizioni. Il Mantova e il Varese, pensa te.
I protagonisti di queste squadre avevano facce italianissime e nomi mai più dimenticati: Frustalupi, Steno Gola, Longobucco, Di Somma, Adelio Moro… Ci sfidavamo a gare di memoria su chi era più bravo a ricordare data e luogo di nascita di quelli meno conosciuti.

Poi, arrivò il 1978.
E lì si capì che il piccolo Lanerossi Vicenza stava facendo sul serio. E poteva inserirsi nella lotta scudetto, che ritenevamo esclusiva dell’invincibile Juve o, al massimo, del Toro di Pulici e Graziani.
Ci andò vicino, il Lanerossi. E se non ce la fece, portò comunque a casa un secondo posto che profumò di impresa, come successe anche al Perugia. A ribadire, entrambe, che l’ultimo scalino è sempre il più difficile. E che essere provinciali vuol dire proprio questo: mancare il salto decisivo, quello che dal setteemezzo/otto porta al dieci e lode.
Galli, Lelj, Callioni…
Potrei ricordarmela a memoria quella squadra lì, con qualche sforzo e senza ricorrere a wikipedia: Guidetti, il mediano grassottello che correva per tre. Filippi, il cavallino pazzo che giocava all’ala sinistra. E poi Carrera, il libero che menava, e Faloppa che quando appese le scarpe al chiodo aprì un’officina meccanica. E tutte le mattina indossava la tuta e si metteva al tornio o alla fresa, come un operaio qualsiasi.
E Paolo Rossi, ovviamente. Che di quella squadra ne fu prima il simbolo e poi, se vogliamo, anche la rovina. Con quei famosi 5 miliardi che mandarono sul lastrico il presidente, e poi la stessa società.

Il Vicenza calcio (non più Lanerossi, credo) è fallito ierisera.
Comunicato Ansa, tre righe. Come si usa adesso.
Poco male…
Nel calcio attuale, ormai, un fallimento non si nega a nessuno. Ci sono passati un po’ tutti: il Perugia, il Varese, il Mantova e tutte quelle squadre lì. Persino il Bologna e la Fiorentina, che ci sembravano inaffondabili. E quelle che il fallimento lo hanno evitato, è meglio non andare troppo a indagarne i motivi.
Di certo, non sentirò la mancanza del Vicenza calcio.
Era da tempo che non me lo trovavo più in mezzo. E quando lo vedevo, quelle maglie biancorosse non avevano più il fascino di una volta: forse perché avevano le strisce più larghe, o magari nemmeno le indossavano più, preferendo colorazioni più “a la page” (come il Napoli che gioca in grigio o la Roma verde-oliva).
E perché quando le squadre di calcio vengono acquistate dai fondi di investimento, dalle cordate arabo-cinesi con sede a Panama e da presidenti che non si capisce cosa fanno e da dove vengono, beh… Ammetto che mi piacciono molto di meno.

Anzi, le trovo addirittura fastidiose.
Anche più del paletto che impalla le riprese tv.

Riccardo Lorenzetti

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Giornale macchiato”. Matteo D’Andrea ci parla di Formula 1

Non solo editoria e pittura serpeggiano nei meandri della...

SANREMO 2021: il vero sogno sanremese è il Dream Massage

Un festival strano quello che stiamo vivendo, privo del...

Giulia Fertillo, quando la rivincita passa dalle fotografie

I capelli neri lunghi, pettinati rigorosamente con la riga...