Andrea Ferrari. Eclettismo che sfocia nella fotografia

Data:

Andrea Ferrari è realmente una personalità eclettica. Si occupa in particolar modo di fotografia, ma è anche inventore di un personaggio dei cartoni animati, nonché fondatore di una casa editrice, che purtroppo adesso non esiste più. Ascoltiamolo comunque…

Ciao Andrea, dal tuo curriculum salta subito all’occhio “artista eclettico”. Puoi riassumerci tutte le cose delle quali ti occupi?

Prima di tutto voglio salutare tutti i lettori di questo interessantissimo sito web che promuove la cultura e l’arte. Ovviamente voglio ringraziare anche la Redazione per tutto il lavoro svolto.

Al netto dei ringraziamenti, mi piace definirmi “artista eclettico” perché mi piace proporre la mia creatività in diverse forme: fotografia, pittura, e la scrittura creativa per film, cortometraggi e cartoni animati.

C’è qualcuna di queste per cui hai una preferenza oppure ami la creatività in generale?

Beh, l’arte che mi sta accompagnando da più tempo è la fotografia, che sperimento dal MMI, e quindi la preferisco perché riesco a dare una visione mia del mondo che ci circonda, ci tengo a specificare che io non uso il digitale, ma sono ancora legato alla fotografia analogica; avendo iniziato quando il digitale era ancora un miraggio, ho imparato come il rullino si impressiona con la luce, ho sperimentato per qualche anno anche il digitale, ma non lo sentivo mio, quindi sono tornato sui miei passi.

Diciamo che io uso diverse tipologie di arte in base allo stato d’animo che ho in quel momento, quindi ci sono periodi che dipingo o scrivo piuttosto che fotografare, ma posso dire che preferisco la fotografia, ma amo la creatività in generale, soprattutto quella generata dalle mani, invidio tantissimo chi ha manualità, io sembro un elefante maldestro 🙂

Andrea Ferrari Group, che cos’è e perché nasce? Pubblicate solo ebook o anche volumi cartacei?

La Andrea Ferrari Group è nata nell’Ottobre del MMIX ed è defunta nel Dicembre del MMXV.

Sei anni di lavoro che purtroppo non sono serviti ad affermarmi come editore, ma fare l’imprenditore non è proprio il mio lavoro.

Con questa casa editrice volevo produrre libri utili per la società, soprattutto per i più piccoli, e presentare i miei progetti fotografici, e dare una mano ad artisti sconosciuti a farsi conoscere.

Gli ebook sono arrivati in un secondo momento per cercare di cavalcare questo nuovo mercato e per darmi l’opportunità di poter entrare in contatto con tutto il mondo, anche perché la versione cartacea di ogni libro prodotto è sempre stata: numerata, ed autografata; ho sempre voluto che i miei libri potessero diventare libri da collezione.

ElyE Frullo? Chi è costui?

Chi è Frullo? Frullo è un supereroe super figo! 🙂

Frullo è uno scoiattolo, nato dalla mia mente malata ed ispirato a “Gon” di Masashi Tanaka.

Frullo ha dei super poteri che sono: una forza sovrumana, ha il potere di creare un uragano e poi controllarlo con la mente, perché voglio far passare il concetto che senza la testa la forza non serve a nulla, e non dimentichiamo l’umanità e la sua voglia di proteggere l’ambiente e gli animali.

Frullo adesso è affiancato da Pallottolina, una coccinella, anche lei con super poteri, e da altri tre personaggi molto buffi: l’Alieno, l’ippopotamo Pisolino, e la GabbianCapra.

Frullo è stato il protagonista di 4 cartoni animati utilizzati in un progetto educativo per la scuole medie di Modena, sviluppato insieme ad aziende del territorio Modenese, ed i ragazzi del Liceo Artistico Adolfo Venturi di Modena.

La fotografia comunque è l’arte che più ti rappresenta, che cosa hai realizzato in questo senso?

Quello che ho realizzato in tutti questi anni sono lavori che hanno soddisfatto le mie esigenze artistiche e non quelle del mercato, come molti mi hanno rimproverato, ma io faccio foto per me non per gli altri, quindi se al mercato piace, bene! Se invece non piace, viva Gesù; questo discorso può essere visto come un atteggiamento arrogante e spavaldo, non credo, è solo la conferma che faccio arte per me, se la facessi per altri non sarebbe la mia arte.

Al netto di questo preambolo, quello che ho cercato di raccogliere e rappresentare con la mia macchina fotografica sono le emozioni, che sia emozioni di persone, di cose o di luoghi, ho sempre cercato di cogliere quello che gli occhi non sempre vedono, ma che soprattutto la nostra distrazione non ci permette percepisce, ci sarò riuscito? Booooo dovrete dirmelo voi!

Comunque i soggetti da me preferiti sono: la natura, i fiori, e le città viste di notte, ho avuto qualche esperienza con modelle, ma ormai ho lasciato perdere, perché per me è difficile trovare modelle che siano interessate ad esprimere quello che sentono, per come vedo io la fotografia emotivo-sentimentale

Che progetti stai portando avanti attualmente e quali sono quelli che hai per il futuro?

Se trovassi produttori interessati alle mie sceneggiature, mi piacerebbe portare avanti le mie idee per cartoni animati e film, ma quello che sto facendo in concreto è investire sul mio archivio fotografico.

Da Ottobre del 2017 ho iniziato a stampare e distruggere simultaneamente il mio archivio, realizzando 2 edizioni per ogni fotografia da me prodotta: una sola copia di 26×34 cm ed un’altra di 60×70 cm che sarà accompagnata dal negativo tagliato ed applicato sul passe-partout, questo per renderla unica non più replicabile.

Vi chiederete perché distruggere? perché intanto ho già fatto testamento, e quando emanerò l’ultimo respiro sarà anche la fine della mia arte, perché ho deciso che in quel momento, tutte le mie opere invendute: fotografie, negativi, dipinti, sceneggiature dovranno essere distrutte.

Rinnovo il ringraziamento per l’opportunità datami e per il tempo dedicatomi.

 www.andreaferrariartist.eu

Stefano Duranti Poccetti

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

TIZIANA MAIOLO, FASCINO SENZA ETA’

Ha iniziato a posare quasi per gioco e "sfinimento"....

“Per amore di questo amore”. Poesia di Giuseppe Sanfilippo

Per amore di questo amore Buongiorno gioia mia, mi sono svegliato...

“La Maria Brasca”. Consapevolmente donna

Teatro Spazio Avirex Tertulliano di Milano, dal 10 al 27...

Premio nazionale Alberoandronico. Sei ancora in tempo a iscriverti!

Per chiunque fosse interessato, trovate a seguire il bando...