UN OSTIA MARE IN GRAN FORMA,VELOCE ED AGGRESSIVO TRAVOLGE CON UN SECCO TRIS UN MEDIOCRE ED EVANESCENTE SAN DONATO TAVARNELLE PENULTIMO

Sulle ali dell’entusiasmo scaturito da tre vittorie ed un pareggio, frutto dell’ingenue distrazioni di 7 giorni prima a Montespaccato,protagonista stavolta a S.GIOVANNI VALDARNO con una sorprendente e corsara affermazione,l’undici di mister LOMBARDO ha avuto ragione d’un poco solido SAN DONATO,apparso fragile in difesa ed inconsistente a centrocampo dove non si riuscivano a creare occasioni per l’attacco.I viola,con il modulo preferito del 3-4-3 giostrato da capitan D’ASTOLFO,LAZZERI ed Esposito con dinamismo e rapide impostazioni triangolate con i cursori IPPOLITI e MOI,hanno dovuto soffrire unicamente in avvio la resistenza dei gialli toscani che in mischia hanno colpito,su azione da corner,la traversa.Poi alla mezz’ora l’equilibrio s’è rotto allorchè un tiro di Esposito dall’interno dell’arem è andato ad incocciare sul piede di Brenna scavalcando così il povero GALLI,un po’ impacciato nel suo tentativo d’intervento.Gli addetti ai lavori ed i dirigenti sportivi di questo piccolo centro fiorentino sono rimasti sconcertati da codesto passivo e speravano in una pronta e vivace reazione dei loro calciatori,ma la squadra del trainer Indiani non ha costruito niente di pericoloso e dunque GIANNINI non è stato mai allertato.Anzi sul finale del tempo il valoroso DE SOUSA,già pedina fondamentale del “racing Roma”in c 2 come pure della viterbese,ha raddoppiato con una saetta diagonale tra palo e portiere dl vorticoso inserimento sulla destra dell’area.IL buon CLAUDIO ha confermato di possedere ancora una discreta tecnica,gran ritmo e gioco a tutto campo muovendosi fin nella propria metà campo a recuperare preziosi palloni.Nella seconda parte della gara il GLICIA è dell’incontro non è mutato,e nonostante le sostituzioni operate dagli avversari per essere più incisivi e riaprire la partita,il bandolo della manovra in una giornata fredda e piovosa è rimasto capitan FROSALI del vice Saciagli del fluidificante PISANESCHI e DI SANTO che lanciavano inutilmente la sfera in avanti,ma senza idee di percussione incisiva e mira nei tiri da fuori.IL merito era della sicura difesa locale oltre all’approssimazione negli schemi di gioco degli avversari.Prima del 60°la sfida conosceva la sua pratica fine quando su della azione da sinistra dei Tirrenici Mastropietro con un potente diagonale da sinistra trafiggeva il giovane ed inesperto Galli,schierato al posto del titolare SIGNORINI.I Toscani non sapevano neppure accorciare le distanze per la loro sterilità offensiva e scialba prestazione,che faceva sperare che si trattasse solo d’una parentesi storta in un periodo di lento raggiungimento della forma ottimale dopo la sosta per il covid.L’Incontro è stato ben diretto dal fischietto cilentano STRIAMO,ben assecondato dagli assistenti Fadda di Carbonia e Valeria Spizuoco di Cagliari,con un calcio in cui le donne come arbitri e segnalinee si stanno sempre più inserendo con autorità e polso fermo;non sono comunque mancate lamentele ospiti specie per un dubbio contrasto in area dell’ostia.Domenica i ragazzi di Lombardo avranno un duro scontro della verità a GAVORRANO,mentre il TAVERNELLE riceverà in casa il SIENA bloccato dal TRESTINA.In testa rimane,con parecchie sfide ancora da recuperare,il Tiferno Lerchi che ha vinto il derby umbro con il Lornano Badesse,ma fino a che tutto non sarà sistemato nel calendario agonistico la classifica non sarà mai veritiera.IL trastevere ha preso un bel punto sul terreno ghiacciato a Pian Castagnaio,con topica del portiere Casagrande poi riscattatosi nella ripresa,sfiorando il colpaccione finale.Domenica dovrebbe affrontare il FOLIGNO la cui partita con il club toscano dello Scandicci è stata rinviata per la terza positività,come disposto dal nuovo regolamento sanitario della LND.

Giancarlo Lungarini

0 Condivisioni

<h2>Leave a Comment</h2>