“Dio arriverà all’alba”. Un importante omaggio ad Alda Merini

Data:

In scena il 30 e 31 ottobre 2021 al Teatro Pime di Milano

Dio arriverà all’alba”: Antonio Nobili porta in scena un omaggio ad Alda Merini venuta a mancare anni fa. La sua drammaturgia è uno stralcio di vita della famosa poetessa italiana. La fine dicitrice vive in una casa popolare sui navigli: una vecchia casa, caotica, sporca dove si sente nell’aria un forte odore di tabacco. I mozziconi riempiono i posaceneri mai vuotati. In questo ambiente degradato nasce questo dramma contemporaneo. La trama: un docente universitario telefona alla poetessa perché vuole mandargli un suo allievo, il quale ha bisogno di delucidazioni per una ricerca che sta facendo sulla poesia contemporanea. Alda Merini inizialmente è molto riluttante nell’accogliere in casa un estraneo ma in questo caso vince la sua avversione ed accetta questo giovane in casa. Giovane a cui aprirà il cuore concedendo una speciale intervista. Alda accorda tre appuntamenti a Paolo. L’incontro ben presto si muta in un salotto letterario che sfiora la profondità della vita fino ad entrare dentro la sindrome della pazzia. In quel minuscolo appartamento nascono storie, passioni e malinconici ricordi. L’incontro con la Merini sconvolge la vita di Paolo, tanto che il suo modo di pensare da quel giorno cambierà per sempre. Nel corso della drammaturgia il bilanciamento emotivo tra Alda e Paolo viene ravvivato da personaggi che con la loro presenza scenica sono in grado di dare una luce comica alla trama di per sé molto profonda. La poetessa con ognuno di questi interpreti mostra una parte di sé diversa a seconda della persona che ha di fronte. Con alcuni il suo comportamento è rude e scortese mentre con altri manifesta la sua fragilità emotiva. Una parte della sua sensibilità viene portata alla luce dalle parole di una bambina, un personaggio che appare nella testa di Alda vittima della sua emotiva bipolarità. Ottima la regia di Antonio Nobili che con maestria è riuscito a riproporre e portare in scena il nobile linguaggio della Maestra milanese. Ottimo il valore attoriale di Antonia Di Francesco, Valerio Villa, Alessio Chiodini, Alberto Albertino, Virginia Menendez, Sharon Orlandini. Ognuno di loro riesce a portare a nudo le varie sensibilità della Merini liberandone la complessa personalità. “Dio arriverà all’alba” è uno spettacolo toccante, molto profondo che entra dentro la controversa personalità di una delle più grandi poetesse italiane. Una rappresentazione sicuramente da non perdere.
Giuliano Angeletti

“Dio arriverà all’alba”
Testo e regia di Antonio Nobili
Aiuto regia Margherita Caravello
Con Antonia di Francesco, Valerio Villa,
Alessio Chiodini, Alberto Albertino,
Virginia Menendez, Sharon Orlandini
Scritto e diretto da Antonio Nobili
Una produzione di Teatro Senza Tempo

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

É uscito il nuovo singolo di Dada Sutra

  É uscito venerdì 3 maggio 2024 su tutte le...

“InCanto”, manifestazione riuscita e condivisa con il pubblico

Calura estiva? Qualcuno intende “spezzarla a suon di note”....

Cleonice Fecit. Tra teatro e fotografia d’autore

L’arte trasuda da tutto quello che dice, da tutto...