“Maneggi per maritare una figlia”.Tullio Solenghi ed Elisabetta Pozzi interpretano Gilberto Govi e sua moglie Rina

Data:

In scena dal 22 al 28 maggio 2022 al “Teatro Sociale” di Camogli

Lo spettacolo del “Teatro Sociale di Camogli” inaugura il “Festival Gilberto Govi”. La drammaturgia “Maneggi per maritare una figlia” di Nicolò Bacigalupo venne portata in scena da Govi e dalla moglie Rina. Il successo fu talmente grande che nel 1959 fu trasmessa in Rai con regia di Vittorio Brignole. La versione attuale è diretta da Tullio Solenghi che nel ruolo di regista ed attore entra con maestria nell’anima di Gilberto Govi. Al suo fianco la mitica Elisabetta Pozzi e un cast di attori veramente invidiabile.

La passione di Solenghi per Govi si perde nella notte dei tempi:

“E’ una storia di tanti anni fa. Ero un ragazzino, abitavo a Sant’Ilario. Un giorno stavo giocando a pallone con i miei amici quando ci arrivò la notizia che Govi stava pranzando con la moglie Rina al Ristorante Lillo. Ci precipitammo per conoscerlo. Lui fu cordialissimo: ci fece un autografo su un tovagliolino di carta mettendo sopra la firma uno schizzo con il suo volto. Ne rimasi affascinato e da allora ho sognato di interpretarlo”.

Tullio Solenghi nelle sue note di regia dice:

“Mi è stato chiaro fin da subito che mi trovavo di fronte ad una autentica “maschera” della commedia, e così come non proverei alcun imbarazzo nel riprodurre “lo stampo” scenico di un Arlecchino, mi lascerò docilmente calare nei panni e nella mimica di Gilberto Govi assimilandone ogni frammento, ogni sillaba, ogni atomo. Non esiterei a definirla una sorta di stimolante “archeologia teatrale”.

Con questa rappresentazione, Solenghi realizza finalmente il suo vecchio sogno: trasformare il proprio volto nella maschera di Govi. Ed infatti, come per magia il teatro ci regala un personaggio talmente identico all’originale da lasciare tutto il pubblico sbalordito. Accanto a Tullio (Steva) recita una grande attrice Elisabetta Pozzi (Giggia). Elisabetta con grandi doti attoriali abbandonando i ruoli drammatici che con sublimità la contraddistinguono si trasforma nella perfetta e spassosa consorte di Gilberto Govi. La divertente coppia sempre in eterna lotta tra loro domina il palcoscenico rinnovando le gag che hanno reso famosa la loro genialità. Le scene e i costumi sono frutto della creatività di Davide Livermore. Accanto ad un eccellente Solenghi (Steva) travolgente nel suo personaggio, Elisabetta Pozzi (Giggia) troneggia nei panni della sua pedante moglie. Senza dimenticare uno speciale Roberto Alinghieri nel duplice ruolo di (Venanzio) e di assistente alla regia.  Ottimi nelle loro parti: Stefania Pepe (Cumba), Laura Repetto (Matilde), Isabella Loi (Carlotta), Federico Pasquali (Cesare), Pier Luigi Pasino (Pippo) e Riccardo Livermore (Riccardo). La commedia ottimamente diretta e recitata da Tullio Solenghi oltre ad essere uno spaccato della vita genovese del tempo, è un sentito omaggio a Gilberto Govi. Una delle più famose maschere teatrali della Liguria e dell’Italia intera.

Giuliano Angeletti

 
“Maneggi per maritare una figlia”
Produzione:
Teatro Sociale Camogli, Teatro Nazionale Genova,
Centro teatrale Bresciano
Regia:
Tullio Solenghi
Autore:
Nicolò Bacigalupo
Protagonista:
Tullio Solenghi, Elisabetta Pozzi
Con: Stefania Pepe, Laura Repetto, Isabella Loi, Federico Pasquali,
Pier Luigi Pasino, Riccardo Livermore, Roberto Alinghieri
Durata: 90 minuti
Numero atti: 2
Anno di produzione: 2022

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“La Bohème” di fine anno, tra infradito e netturbini

Padova, Teatro Verdi, 29 e 31 dicembre 2016 La Bohème...

Se il marmo di Carrara diventa Marmo da fotografare

Una location unica nel suo genere come quella dei...