18 giorni accanto a te di Veronica Madia

I mondi della scrittura sono vasti e multiformi, variegati forse più di un continente. Oggi nel nostro salotto virtuale ho un ospite davvero molto interessante… Veronica Madia, autrice del libro “18 giorni accanto a te”.

Ilaria Solazzo, giornalista e blogger, ha intervistato, oggi, per noi di “Corriere dello spettacolo” la scrittrice Veronica Madia, autrice del libro “18 giorni accanto a te”.

Ilaria – Da dove nasce la passione per la scrittura?
V. M. – Il mondo della scrittura mi ha sempre affascinata: l’abilità di riuscire ad ammaliare le persone attraverso le parole è un potere che non è alla portata di chiunque. Si può dire che la mia sia nata ai tempi della scuola, più precisamente del liceo. Lo studio dei grandi autori delle nostre epoche ha avuto molta influenza sulla mia vena artistica, ma è una passione che ho approfondito solamente dopo la fine degli studi.

Ilaria – Quanto tempo hai impiegato per realizzare il tuo libro?
V. M. – Complessivamente poco più di un anno. Dico complessivamente perché durante la sua stesura ho avuto un blocco emotivo di alcuni mesi che mi impediva di continuare. Nella mia testa era già tutto programmato ma non riuscivo a trascriverlo a pc. Sono dell’idea che quando uno scrittore si sente bloccato ha un problema a monte da risolvere ed effettivamente era cosi: ero stressata psicologicamente da diversi fattori e ciò mi impediva di continuare la mia storia. Solo quando ho riordinato i miei pensieri e il mio stato d’animo sono riuscita a completarla. Non posso dire di averci messo tanto o poco, ogni storia è a sé e ha bisogno del suo tempo per venire alla luce.

Ilaria – Come hai vissuto il periodo della stesura? E come ti sei sentita quando lo hai visto pubblicato?
V. M. – È stato molto intenso. Ho vissuto momenti che mi hanno fatta vacillare sentimentalmente, momenti che mi hanno bloccata e che successivamente si sono rivelati di grande aiuto. Questo libro è nato dal bisogno di curare un dolore che non riuscivo ad affrontare, e la sua stesura per me ha rappresentato un processo di accettazione che mi ha permesso di superarlo, quindi vederlo pubblicato, fisico, tra le mie mani è stata una soddisfazione davvero enorme. È il mio dolore estrapolato e concretizzato, non ci sono parole effettive per descrivere la sensazione che provo nel vederlo coi miei occhi.

Ilaria – Riassumi in poche righe il senso del tuo libro.
V. M. – Carrie e Faith sono due giovani ragazze che stringono una forte amicizia in tenera età, ma che per vicissitudini della vita sono costrette ad allontanarsi per poi ritrovarsi per puro caso all’università ed è in quel momento che il loro rapporto ritorna vivo e forte come una volta. Affrontano insieme la maggiore età e tutto ciò che ne comporta, ma la vita è imprevedibile, e quando pensiamo che tutto vada per il meglio si insinuano sulla nostra strada degli avvenimenti che ce la stravolgono totalmente. È in questo frangente che la loro realtà cambia improvvisamente, mettendole di fronte a scelte che detteranno la loro crescita personale e che modificherà per sempre il loro punto di vista.

Ilaria – Perché credi si debba leggere il tuo libro? E chi credi lo apprezzerà maggiormente?
V. M. – L’ho scritto con lo scopo di trasmettere il concetto di “volontà”. Il fulcro della mia storia è la volontà di guarire, di accettare gli avvenimenti della vita, per quanto belli o brutti che siano; e se questo desiderio non parte da noi stessi nessuno sarà in grado di aiutarci. Questo è il motivo per cui credo debba essere letto, per dare e avere quell’incentivo alle persone che come me hanno affrontato ostacoli che hanno superato con molta difficoltà, avvalendosi dell’aiuto delle persone care che lo circondano. Questo mi auguro, che il mio romanzo sia di ispirazione per capire che siamo noi stessi ad avere il potere di curarci. Chi lo può apprezzare? Chiunque. Un genitore, un figlio, un amico, tutti coloro che possano immedesimarsi in un dolore o una situazione simile a quella delle nostre giovani protagoniste. Un pubblico giovane ne apprezzerà determinate sfumature e un pubblico più maturo ne apprezzerà altre: sono tutti aspetti che compongono un’unica realtà ma che cambia a seconda del punto di vista di chi legge.

Ilaria – Usando un solo aggettivo come si può definire il tuo progetto editoriale?
V. M. – Lo definirei intrigante. Di per sé è una storia semplice, non troppo complessa, ma il corso degli eventi invoglia a continuare a leggere, intrigando appunto la mente del lettore, accendendo la sua curiosità.

Ilaria – Se tu potessi pranzare con il tuo scrittore o attore preferito cosa gli domanderesti?
V. M. – Se potessi pranzare con Alan Rickman, il mio attore preferito, gli chiederei innanzi tutto cosa lo ha portato a scegliere la strada del teatro e del cinema ma gli chiederei anche se, nonostante la fama e la notorietà ottenuta, ci fosse un aspetto della sua vita che non è riuscito a soddisfare, perché non sempre celebrità è sinonimo di felicità.

Ilaria – Sei mamma di due piccoli e presto arriverà il terzo figlio! Complimenti, passerai anche a loro l’amore per la lettura?
V. M. – Spero vivamente di riuscirci. Leggere amplia la nostra fantasia, alimenta la curiosità, ci permettere compiere viaggi straordinari e ci fa conoscere emozioni che diversamente, forse, non avremmo la possibilità di cogliere o vivere. Quindi si spero di trasmettergli il mio stesso amore per la lettura, di qualunque genere essa sia, non potrà fare altro che giovarli.

Ilaria – Casa Sanremo Writers 2023, sarai presente a febbraio al Palafiori. Cosa ci racconti al riguardo?
V. M. – Io sarò presente il 9 febbraio 2023 e che posso dire, che sono letteralmente entusiasta e molto emozionata! Non vedo l’ora di vivere questa esperienza che arricchirà il mio bagaglio personale e sono onorata di poter partecipare a questo evento così importante!

Notizie sull’autrice

Link pagina Facebook: https://www.facebook.com/vero.madia

Link pagina Argentodorato Editore: https://www.facebook.com/Argentodorato/

Descrizione, in breve, del libro.

Carrie e Faith sono due bambine quando la loro amicizia, profonda e radicale, viene improvvisamente troncata: il trasloco in un’altra casa, in un’altra città porta dietro di sè anni di distanza e silenzio. Le due amiche si promettono di scriversi, di mantenersi in contatto, ma nel tempo ogni cosa sfuma: si riduce a una scia di assenza. Solo molto dopo si ritrovano, inaspettatamente. Il loro rapporto torna vivo come una volta, si sentono l’una sorella dell’altra, ma qualcosa accade. La vita traccia disegni misteriosi, spesso incomprensibili: esattamente come quelli, indelebili, che si vanno a formare nell’esistenza di Carrie e Faith: due ragazze, due amiche, due sorelle.

Dettagli

Titolo: “18 giorni accanto a te”.
Autrice: Veronica Madia.
Editore: Argentodorato.
Anno edizione: 2022.
In commercio dal: 13 maggio 2022.
Pagine: 165.
Tipo: brossura.
EAN: 9791280273222.
Prezzo: 13 euro.
Copertina: flessibile a colori.
Editing: Maria Capatti.
Progetto grafico: Silvia Ungaro.
Immagine di copertina: Irene D’annunzio.

Dove poter acquistare il libro online

IBS

https://www.ibs.it/18-giorni-accanto-a-te-libro-veronica-madia/e/9791280273222

MONDADORI

https://www.mondadoristore.it/18-giorni-accanto-a-te-Veronica-Madia/eai979128027322/

La promotrice culturale è Sheyla Bobba della SBS Comunicazione.

Filosofia e Stile SBS Comunicazione

Alcune notizie sull’autrice del libro

Veronica Madia nasce a Ravenna nel 1995. Si diploma al Liceo classico a indirizzo linguistico “Remo Brindisi” di Lido degli Estensi, in provincia di Ferrara. Oggi collabora con l’attività di famiglia e partecipa alla rivista letteraria Sezione Aurea, curata da Argentodorato Editore. La passione dello scrivere nasce durante l’adolescenza e la accompagna fino a questo suo primo romanzo: 18 giorni accanto a te.

Gruppo SBS Comunicazione & Edizioni CPW | Facebook

 

<h2>Leave a Comment</h2>