Quotidiano di Cultura diretto e fondato da Stefano Duranti Poccetti nel 2011

Milena, lo sport nel dna: “Curo il corpo e la mente”

Data:

 

Lo sport fa parte del suo dna, “questa passione per l’attività fisica mi ha portata ad approcciarmi con la sala pesi”. Milena ha 52 anni e racconta così l’inizio di un percorso ormai decennale che l’ha resa un autentico personaggio nel mondo del fitness, salendo sul palco di gara, aprendo con la sua famiglia una palestra in cui si prende cura del benessere fisico (ma non solo) dei suoi iscritti.

Perché ti sei avvicinata a questo mondo?

Per via dei fisici scultorei pubblicizzati, per l’approccio personalizzato che ha il body building ma anche per la comodità di poterlo svolgere in un orario gestibile con i miei impegni lavorativi e familiari.

Un mix di fattori che poi lo ha reso… davvero speciale.

Come detto, ho sempre praticato sport, inventando ed arrangiando esercizi con i pesi o con quello che avevo a disposizione. Sono entrata in palestra a 31 anni ed ho capito fin da subito che quello era il mio mondo. A 40 anni ho iniziato un percorso personalizzato senza sapere bene il mio punto obbiettivo., mi piaceva e basta!

Da allora, è stato un susseguirsi di emozioni.

A 44 anni ho partecipato alla mia prima gara e da allora non mi sono più fermata. All’attivo ho circa 120 gare ed ho vinto innumerevoli titoli. Ma come dico sempre, la vittoria è sì importante perché ripaga di tutti i sacrifici, ma la vera sfida è con me stessa!

Perché hai scelto di metterti in gioco?

La vera sfida è con me stessa, mi piace la meritocrazia che qui, al contrario di altri campi, è ancora fondamentale. Il lavoro e l’impegno quotidiano, portano a risultati riconosciuti. Ecco perché la cura del corpo è trasversale, a 360 gradi, e non solo estetica. Al contrario, prendersi cura di sé stesse significa dare amore a noi stesse.

Il tuo percorso da personale è diventato imprenditoriale.

Proprio così perché, insieme alla mia famiglia, abbiamo trasformato tutto questo in un lavoro, prima seguendo le persone come coach e poi aprendo una palestra gestita direttamente da noi.

Che rapporto hai con i social?

Li utilizzo come strumento di pubblicità, ma autentica e trasparente. Non mi piace fare cassa dando spazio a rimedi che si basano su metodi fantascientifici. Non credo nell’ipocrisia, al contrario credo nell’impegno e nel lavoro. Questi due elementi fanno, sempre e comunque, la differenza. Certo, alterno i miei contenuti ad altri più ironici per sdrammatizzare, d’altronde lo sport è anche questo. Anzi, divertimento e socializzazione sono due approcci che rendono le mie giornate più felici. Lasciatemelo dire: lavorare divertendosi, sprigiona un benessere che passa dal corpo alla mente.

Che donna sei nel quotidiano?

Sono una persona determinata, precisa ed umile: chiedo e pretendo molto da me stessa, quindi vorrei un giorno di almeno 48 ore!

Dove ti vedi in futuro?

Amo il settore del fitness e vorrei trasmettere questa passione a tutti i clienti della palestra che dirigo, aiutando atleti ed amatori a valorizzare la loro persona e spronandoli verso il benessere personale adottando uno stile di vita sano, adeguato, sostenibile e basato su una visione a 360 gradi. Parlo in particolare di alimentazione sana, di sport, di cura del corpo. Dal mio punto di vista, seguire passo dopo passo una persona e vedere la sua trasformazione, mi appaga e mi regala una soddisfazione autentica. Crescere l’autostima degli altri mi rende felice. Sono convinta sia così anche per le persone che seguo: se ci si vede bene, ci si sente anche bene!

Manuele Pereira

 

CONTATTI SOCIAL
https://www.instagram.com/milena.fitness.coach

 

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Il gesto di Pedro”. In un gesto, una vita

Roma, Teatro dell’Angelo, 6 dicembre 2016 Al Teatro dell’Angelo di...

Massimo Popolizio fa Furore!

Al Teatro Nuovo di Treviglio, unica recita dell'1 dicembre...