TERRA. Siamo sicuri che l’inferno sia un’altra dimensione?

Data:

Roma, Teatro di Documenti (Via Nicola Zabaglia 42 – Testaccio), dal 9 al 19 dicembre 2017

Immaginate di poter osservare la vita da un punto di vista strategico. Dall’alto, magari, oppure un po’ come Dante nell’inferno, guidati da un personaggio del passato, o del presente. Forse del futuro, il nostro, in una panoramica di microstorie grottesche, inquietanti, divertenti, comunque rivelatrici del mondo e del modo in cui viviamo. Tutto questo accade in questi giorni, con Terra, al Teatro di Documenti, un gioiello architettonico che ben si presta, con le sue sale, salette, salone, cunicoli e passaggi segreti ad accogliere il pubblico in un viaggio nel profondo dell’umanità, nelle sue miserie e nelle sue tenerezze, nelle sue tante contraddizioni e le sue mostruosità quasi surreali. Un mondo sotterraneo che mostra crudamente i suoi abitanti, altro non sono poi che noi stessi, sin da colui che fungerà da “Virgilio” (ben si addice il nome in questo caso), illuminante e illuminato personaggio (creatore, forse? Caronte?) che conosce bene ogni angolo recondito dell’essere umano. Donne abbandonate e segregate che mai hanno conosciuto una carezza (forse il personaggio più “disturbante” del lungo viaggio), uomini-umanoidi frutto della manipolazione scientifica, ragazze prigioniere dell’ossessione della magrezza, medici senza scrupoli, aspiranti suicidi, sieropositivi e mendicanti, seviziati e principesse, seduttori compulsivi, corruzione e maternità pretese contro ogni logica, persone che si lasciano invecchiare senza muovere un dito nelle proprie esistenze. Benvenuti nel faticoso Luna Park della vita, signori e signore.

terra2webLo spettacolo, itinerante, è davvero molto ben congegnato, sorprendente, godibilissimo,  qualcosa di insolito nell’attuale panorama teatrale. Eppure fu messo in scena venti anni fa dal suo creatore, quel Luciano Damiani, artista geniale che dette vita al Teatro di Documenti. Pensate che lungimiranza. Le attrici e gli attori protagonisti, in un tourbillon di cambio costumi (molto belli)  e situazioni, danno vita all’affascinante viaggio nelle viscere labirintiche del teatro e dell’umanità qui rappresentata, con grande credibilità e struggente, dura poesia. Da un locale all’altro, salendo e scendendo, si dispiega con potenza scenica il campionario grottesco della vita. Più che assistere, lo spettatore fa esperienza, che rimane dentro. Siamo tutti sospesi, in un limbo spazio temporale e probabilmente anche in un giudizio che attende la sua definitiva emanazione. Da vedere, anzi, da vivere.

Paolo Leone

Roma, Teatro di Documenti (Via Nicola Zabaglia 42 – Testaccio), dal 9 al 19 dicembre 2017
Produzione Teatro di Documenti presenta: Terra. Testo e regia di Anna Ceravolo.
Interpreti: Gerardo De Blasio, Gaetano Lizzio, Cristina Maccà, Federica Raja, Giuseppe Rispoli, Giuseppe Vancheri.
 Scene e costumi di Carla Ceravolo; Luci di Paolo Orlandelli; Video di Renato Ferrero.
Terra è inserito in Luciano Damiani: il Teatro è tutto, ritenuto dalla Regione Lazio meritevole di riconoscimento e rientra nelle iniziative per ricordare il grande artista scomparso dieci anni fa

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati