“Lucciole”. Poesia di Azelio Cantini

Data:

Passato oramai

è il crepuscolo.

Le ombre si addensano

ed il giorno

fa posto alla notte.

Solitario,

passeggio nel parco

illuminato

da candida luna.

Quand’ecco apparire,

come fragili sospiri,

piccole creature

in alterna luce,

quasi fiammelle!

Sembrano danzare

intorno a me.

Improvviso,

nasce un pensiero:

sono onirici segni

o anime perse?

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

“Microcosmi”. Musagète: il quintetto che si fa orchestra sinfonica

Eseguire brani con un'orchestra ridotta potrebbe risultare in alcuni...

CAMILLE CLAUDEL, “FEMME ACCROUPIE”. Una lirica di Gian Piero Stefanoni

CAMILLE CLAUDEL, FEMME ACCROUPIE   Va nel suo mare alla sorte di...

IL MIC premia l’ARB DANCE COMPANY

Dal luglio 2009 l’ARB dance company si è inserita...