MICHELE PLACIDO AL TEATRO TROISI DI NAPOLI per lezioni d’arte dette in musica e poesia

Data:

Il 2 e 3 novembre 2019 al Teatro Troisi di Napoli

Un recital che vuole essere un racconto, un dialogo tra artista e spettatori. Michele Placido interpreta poesie e monologhi di grandi personaggi come Dante, Neruda, Montale e D’Annunzio, e non mancano i versi dei più importanti poeti e scrittori napoletani come salvatore Di Giacomo, Raffaele Viviani ed Eduardo De Filippo.

Ovviamente un grosso omaggio, trovandosi in un teatro che porta il suo nome, a Massimo Troisi e ad uno dei film più belli del cinema italiano: Il postino, vincitore del premio Osca, girato nella bellissima isola di Procida.

Altri momenti degni di nota sono l’omaggio al sommo poeta Dante Alighieri, recitando il 5 canto dell’Inferno, ossia l’incontro con i lussuriosi Paolo e Francesca, ammettendo di come sia Francesca a prendere sempre parola con Dante, mentre il moroso si trovi sempre dietro di lei e non parli, quasi intimorito, ed anche quando ha recitato l’ultimo discorso fatto in pubblico di Eduardo fatto al teatro di Taormina, proprio durante la festa del teatro, in cui, commosso, ringraziava e spendeva parole pregne d’affetto per il figlio Luca De Filippo.

Di fatto, un artista capace di grandissime capacità attoriali come Michele Placido ha retto benissimo il palco e ha incantato tutto il pubblico presente in sala, trasportandolo in una realtà sensoriale magica ed ipnotica.

Ad accompagnare il maestro in questo viaggio poetico musicale sono Gianluigi Esposito e il suo musicista Antonio Saturno che interpretano le più belle canzoni classiche napoletane di sempre dove lo spettatore è preso per mano e condotto tra le più belle pagine della poesia e del teatro. I due hanno raccontato al pubblico del Troisi vari aneddoti sulle canzoni più antiche napoletane, o cantate da artisti napoletani e campani, come “ Tu scendi dalle stelle”,  o di “Carmela” che altro non è che una dolce metafora su Napoli dove l’artista paragona Napoli ad una bellissima donna che porta quel nome.

Marco Assante

Con Gianluigi Esposito (voce e chitarra) e Antonio Saturno (chitarra e mandolino)

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

Le turbe psichiche e il disagio esistenziale.

Fino al 5 febbraio 2023 al Teatro Parioli di...

Carla D’Addato, la fotografia sensuale…

A Carla D’Addato piace raccontarsi, ed è forse per...