LUCIA BAMBINI, UNA DONNA ALLA RICERCA DEL BELLO

Data:

L’arte le scorre nelle vene da sempre, nel suo dna c’è la ricerca ossessiva del bello, dell’estetica, del sublime. Così, non è un caso se Lucia Bambini si sia avvicinata alla fotografia oltrepassata la soglia dei 50 anni. D’altronde, basta guardarla per capire che l’età anagrafica, messa in relazione alla sua immagine, sembra centrarci ben poco. Eppure, la sua è la storia di una donna che ha sfidato giudizi e pregiudizi per avvicinarsi ad una nuova forma d’arte, per affiancare la fotografia alla pittura e alla musica, due forme di espressione che già adotta da anni per raccontare le sue emozioni. Ecco, nei suoi scatti c’è questa intrinseca volontà di raccontare vittorie e sconfitte, pregi e difetti, anche scuotendo l’occhio di chi guarda. “Ma chi si ferma all’esteriore, magari incuriosito da un corpo nudo, si perde il vero significato della fotografia” racconta Lucia, originaria di Foligno, nella vita impiegata in uno studio medico. Due figli ormai grandi, un lavoro che la impegna per gran parte della giornata, la sua è un’avventura iniziata ormai da un anno e mezzo che procede a gonfie vele. “Perché è iniziato tutto? Bella domanda, a cui è difficile dare una risposta” taglia corto lei. Ma forse una risposta c’è. Era scritto nel destino che Lucia e la fotografia prima o poi si dovessero incastrare. Non è successo da giovane perché, allora, i figli da crescere erano la priorità assoluta. Oggi, che qualcosa è cambiato, ecco che anche le priorità si sono ristabilite e le esperienze hanno iniziato ad accumularsi. Un successo autentico, vero, che l’ha portata a vivere occasioni straordinarie come unire la passione per la scrittura a quella per la fotografia. Un mix di scritto e visivo che hanno fatto breccia anche a livello espositivo…

Ripartiamo da te… chi è Lucia Bambini?

Sono una donna, una mamma, una innamorata dell’arte. I miei figli figlio mi vedono fin da piccola con i pennelli e la chitarra in mano, io sono cresciuta in una casa in cui si mangiava arte. Mio padre era un pittore, io dipingo, scrivo poesie, suono la chitarra per piacere e per divertimento. Mi piace vivere l’arte, voglio far tutto nel miglior modo possibile.

E dal 2019 sei anche fotomodella…

Da giovane avrei voluto già buttarmi, ma avevo da adempiere al mio ruolo di mamma a tempo pieno; poi i miei figli sono diventati indipendenti e ho provato. Mi è stato chiesto di provare, ed è stato bellissimo! Le foto sono piaciute ed ecco perché ho continuato a vivere questa esperienza.

Un’avventura che unisce immagine e contenuti…

La fotografia deve trasmettere quella che sono io, non esclusivamente quello che vuole il fotografo. Io in fotografia sono un’anima inquieta, cerco semplicemente di mostrare la mia anima più che la mia immagine. Chi si ferma alla mia immagine si perde il bello, perde il contenuti.

Cosa raccontano i tuoi scatti?

Metto in gioco la mia anima, le mie sofferenze, i miei tormenti, le mie gioie, la mia solitudine, perché la vita è fatta di molteplici aspetti e io se posso li mostro tutti. Solitamente quando scatto cerco di condividere con fotografo la posa, l’inquadratura, lo stile. Voglio essere al tempo stesso la protagonista da una parte e dall’altra dell’obbiettivo.

Provocazione, fascino, sensualità. Se ti dovessimo chiedere di scegliere la tua foto più bella e la tua foto più erotica di questo tuo cammino, cosa risponderesti?

Le foto più belle sono tante. Una è un bianco e nero dove sono con un cappotto senza intimo, poggiata a un muro, mano fra i capelli e una appoggiata sul muro. Da sola sotto archi, qui l’occhio più attento vedrà il dramma della solitudine e la paura del restare soli. Oppure me ne viene in mente un’altra dove sono in un sottopassaggio, con camicia lunga e body rosso, in un ideale abbraccio con me stessa. Foto più erotica… difficile sceglierla! Penso ad una col tacco che scansa lo slip, nella quale l’erotismo non ha nulla a che vedere con la nudità o con la posa. L’erotismo è un insieme di elementi che vanno oltre i centimetri di pelle scoperta. La foto più erotica è quella in cui sono io che indosso le calze: ci sono calze, viso, delicatezza delle mani, gamba sollevata che non scopre nulla. La foto più erotica è quella lascia tutto all’immaginazione.

Anche le tue collaborazioni sono letteralmente esplose.

Sono tanti i fotografi che hanno saputo raccontarsi in un modo davvero speciale. Finora ho collaborato con una quindicina di fotografi e realizzato una cinquantina di set. E non ho nessuna voglia di fermarmi… anzi, posso fare un elenco?

Di cosa?

Dei fotografi che mi hanno ritratta, meritano tutti una citazione:

@crisinacenci2, @azuelphoto, @photopalmieri, @stexmancinelli, @visual.inspired, @giobista, @phlucarosati, @mauriziogiorgelli, @lackyluca1, @gio_gammetta, @capponimauro, @stefanogiacchi, @nicoorlandi, @anonimus_photography, @giorgiobettinphotography, @lcphoto27.

Non solo fotografia… ma anche scrittura.

Collaboro con un fotografo, John Allen, per il quale scrivo delle frasi in accompagnamento alle sue foto. È un fotografo naturalista, insieme abbiamo fatto una mostra in cui le mie frasi accompagnavano le sue foto.

Insomma, avanti anche se ci sono ostacoli.

Ci sono stati giudizi e pregiudizi, ci sono tuttora, attorno a questa mia scelta. Me lo avevano anche detto, ci sono state persone che quella scelta l’hanno criticata, e io sono andata avanti. Non faccio del male a nessuno, quindi non c’è ragione per smettere.

Anche sui social ti piace raccontarti…

Per quella che sono: o molto romantica, o sbarazzina e ironica! D’altronde al lavoro sono perennemente in jeans e sneakers! Ho dei begli occhi che non nascondo mai nemmeno d’estate, anche se gli altri… apprezzano le gambe! Lasciatemelo dire: gratifica il fatto di essere guardata nonostante la mia età, quando non mi guarderanno più mi dispiacerà un po’!

D’altronde, bisogna avere gli occhi adatti per guardarti…

Io veicolo contenuti romantici ed estetici, credo che la bellezza sia un valore al di là dell’età. Se posso lasciare qualcosa di bello di me agli altri, ne sono contenta.

Luca Fina

 

CONTATTI SOCIAL
https://www.instagram.com/lucia.bambini

Seguici

11,409FansMi Piace

Condividi post:

spot_imgspot_img

I più letti

Potrebbero piacerti
Correlati

La sillabazione

La sillabazione o divisione in sillabe, come dice il...

Roberta Pedrelli, una star a tinte giallorosse

Questa è la storia di una donna di spettacolo...

402. Vite alla resa dei conti

Roma,12 luglio 2022, Teatro Marconi Le sere d’estate a Roma...